Multe stradali senza confini nell'Unione europea

Nuova direttiva Ue da recepire entro maggio. Per quali infrazioni è prevista la multa senza frontiere?

Multe stradali senza confini nell'Unione europea. Europarlamento e Consiglio Ue hanno detto ok alla nuova direttiva che trova un fondamento legale nella sicurezza stradale e non più sulla cooperazione di polizia. Entro due anni anche Gran Bretagna, Irlanda e Danimarca dovranno fare i conti con questa direttiva.

Cos'è il sistema delle multe senza frontiere? Permette l'accesso ai registri d'immatricolazione di tutti i 28 stati membri dell'UE: chi commetterà gravi infrazioni stradali all'estero troverà la multa nella propria cassetta della posta.

Per quali infrazioni è prevista la multa senza frontiere? Guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti, eccesso di velocità, guida senza cinture di sicurezza o senza casco, uso di corsie vietate, non rispetto del semaforo rosso, uso del telefono cellulare durante la guida.

Ora i Paesi membri dell'Unione dovranno recepire la direttiva nei rispettivi ordinamenti nazionali non oltre il 6 maggio prossimo. A Londra, Dublino e Copenaghen sono stati concessi altri anni per far andare a regime le nuove norme.

Entro novembre 2016 la Commissione dell'Ue valuterà l'efficacia della direttiva ed eventualmente modificarla.

Multe  senza frontiere

  • shares
  • Mail