Estate 2015: il 68% degli italiani andrà in vacanza, ma budget ridotto

L'indagine Confesercenti-Swg mostra una maggiore propensione complessiva ad andare in ferie rispetto al 2014, ma il budget resta "tirato". Spesa media 840 euro.

 vacanze estate 2015

Nel 2015 aumenta il numero di italiani che quest'anno si concederanno una vacanza estiva. Per andare in ferie il budget della famiglie rimarrà al risparmio ma è pur sempre un primo segnale di ripresa del settore secondo i dati forniti dall'indagine Confesercenti-Swg pubblicata oggi.

A traino dei primi e ancora contrastanti segnali di ripresa economica ha intenzione di andare in vacanza il 68% degli italiani, circa 32 milioni di persone, oltre 2 milioni in più rispetto all'estate dell'anno scorso.

Un viaggiatore su due sceglierà una metà marittima, con la Croazia che supera la Spagna tra luoghi esteri preferiti, mentre in Italia la Puglia rimane la regione più scelta.

L'indagine registra poi, per la tipologia di alloggio scelta dai vacanzieri, il boom delle case in affitto, anche se l'albergo rimane il posto preferito dal 36% degli intervistati.

Confesercenti spiega che in ogni caso la spesa media per persona, stimata in 840 euro, rimane bassa: è in aumento rispetto ai 788 dell'anno scorso ma è in diminuzione del 18% rispetto al budget (1.022 euro) di spesa dei vacanzieri nel 2010.

Duque sì alle vacanze estive ma limitando al massimo la spesa. In dettaglio, chi andrà in ferie e ha intenzione di spendere meno della scorsa estate passa dal 34% al 36%, un milione in più di vacanzieri, cui si aggiunge un altro 29% che manterrà invariato il budget rispetto al 2014.

Se da un lato il sondaggio di Confesercenti-Swg sottolinea la maggiore propensione complessiva ad andare in viaggio per le ferie estive chi invece resta a casa, il 32% dei connazionali, lo fa sempre di più e solo per ragioni economiche come dice il 51% di chi non potrà muoversi, il 9% in più rispetto al 2014.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail