Petrolio: l'Opec lascia invariati i livelli produttivi

Alla vigilia del vertice Opec.

Vertice opec 5 giugno

Aggiornamento. Nessuna sorpresa al vertice Opec di Vienna. Il cartello dei produttori mediorientali vince questo altro round della battaglia sui prezzi del greggio contro i produttori Usa di petrolio shale e tight (con ovvie implicazioni di carattere geopolitico) preservando così la propria quota di mercato. La conferma degli attuali livelli produttivi era scontata: la nuova inondazione di oro nero prodotto dal cartello che si appresta a essere immessa sul mercato permetterà all'Opec di tenere ancora sotto controllo i prezzi, che rimarranno bassi, evitando di far emergere i concorrenziali produttori specializzati nelle nuove tecnologie di estrazione in Usa e Canada.

Prezzo petrolio ancora in calo alla vigilia del vertice Opec

I prezzi del petrolio sono ancora in calo alla vigilia dell'atteso vertice Opec, l'organizzazione, o meglio il cartello, dei 12 paesi maggiori produttori mondiali di greggio.

Dalla riunione dell'Opec (Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio) iniziata stamattina a Vienna non ci si aspetta in realtà altro che una conferma dei livelli produttivi attuali.

Linea portata avanti ormai da diversi mesi dal maggior produttore di oro nero su scala globale, l'Arabia Saudita, che favorisce la debolezza dei prezzi in un mercato considerato in genere sovra approvvigionato.

Nella tarda mattina di oggi il barile di Brent, cioè il greggio di riferimento del mare del Nord (il petrolio di riferimento europeo) cala di 11 centesimi rispetto alla chiusura precedente, per scendere a quota 61,92 dollari. Negli scambi after hours al New York Mercantile Exchange (NYMEX) il barile di WTI (West Texas Intermediate) va invece giù di 26 centesimi di dollaro a 57,74.

Negli ultimi mesi la volontà dell'Arabia Saudita di inondare il mercato di greggio, agevolando le quotazioni basse, è finalizzata a tagliare fuori le produzioni concorrenziali e più costose come quelle sviluppate negli Stati Uniti e in Canada su sabbie bituminose e frammentazione idrolitica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail