Il piano anti-spread della Bce è legittimo per la Corte di giustizia UE

Il piano OMT annunciato dalla Bce a settembre 2012 è in linea con le leggi comunitarie. I ricorsi erano stati portati davanti alla Corte costituzionale teutonica da 35mila cittadini tedeschi.

Omt BCE piano antispread

L'Outright monetary transactions, il programma OMT della Bce annunciato a settembre 2012, e mai messo in atto, è compatibile con il diritto comunitario. Le "transazioni monetarie definitive" sono legittime secondo la pronuncia della Corte di Giustizia della Ue che spiega come:

"il programma di acquisto di titoli di Stato non eccede le attribuzioni BCE di politica monetaria e non viola il divieto di finanziamento degli Stati membri".

La Corte ha dovuto emettere la sentenza sul programma OMT voluto da Mario Draghi per rispondere a una serie di ricorsi presentati presso la Corte costituzionale federale tedesca da 35.000 cittadini tedeschi.

In buona sostanza si asseriva che il programma anti spread potesse pesare sulle tasche dei contribuenti tedeschi e si metteva sotto accusa il reale contributo che avrebbe fornito la Bundesbank (la Banca centrale federale tedesca) all'attuazione del programma OMT oltre all':

"asserita inerzia del governo federale e della camera bassa del Parlamento federale (Bundestag) dinanzi a questo programma".

Per i ricorrenti infatti il programma OMT oltre a non rientrare nel mandato della Banca centrale europea avrebbe violato:

"il divieto di finanziamento monetario degli Stati membri della zona euro e, dall'altro, viola il principio di democrazia sancito nella Legge fondamentale tedesca (Grundgesetz) e pregiudica, in tal modo, l'identità costituzionale tedesca".

Accuse rispedite al mittente dalla Corte di giustizia Ue:


"la Corte risponde che i Trattati dell'Unione autorizzano il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) ad adottare un programma come il programma OMT"

Inoltre i giudici europeo aggiungono che l'OMT:

"alla luce dei suoi obiettivi e dei mezzi previsti per raggiungerli, rientra nella politica monetaria e dunque nelle attribuzioni del SEBC. (...) mirando a preservare un'adeguata trasmissione della politica monetaria, il suddetto programma è, al tempo stesso, idoneo a preservare l'unicità di tale politica e a contribuire all'obiettivo principale di quest'ultima, che è il mantenimento della stabilità dei prezzi".

Progamma OMT della BCE, che cos'è


Il piano anti-spread venne annunciato dal governatore Bce Mario Draghi a settembre 2012. Non è stato mai attuato e prevedeva l'acquisto illimitato di titoli di Stato dei Paesi dell'Eurozona in difficoltà finanziarie. In cambio i governi dei paesi interessati avrebbero dovuto attuare le riforme economiche richieste dall'UE. Il solo annuncio del piano OMT era bastato per abbattere gli spread sui titoli di Stato di economie in forte affanno come Italia e Spagna che in scia alla tensioni per la crisi greca, rischiavno di finire mire di speculazioni e terremoti finanziari fino al rischio di l'insolvenza.

Ma la guerra legale tra Eurotower i giudici di Karlsruhe no finisce qui. Alcuni legali nei giorni scorsi hanno portato davanti alla corte costituzionale teutonica il piano di quantitative easing della Bce che da marzo è a regime.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail