Cgia: valore della casa crollato in cinque anni del 14,2%

In cinque anni il carico fiscale sulla casa è aumentato di 12,3 miliardi di euro, ma il valore è diminuito del 14,2%.

Tasse casa

L'Ufficio studi della Cgia ha diffuso i dati sul mercato edilizio dai quali emerge una situazione piuttosto sconfortante: negli ultimi cinque anni il valore degli immobili è diminuito di 1,2 miliardi di euro, ossia del 14,2%, mentre le tasse sulla casa sono aumentate di 12,3 miliardi di euro, che corrisponde al 31,2%.

Infatti nel 2010 il carico fiscale sugli immobili era di 39,481 miliardi, ma nel 2014 è arrivato a 51,808 miliardi. Allo stesso tempo il valore economico degli immobili è crollato: in particolare, quello delle abitazioni e altre pertinenze è diminuito del 16,6% passando da 6.461.600 euro nel 2010 a 5.388.974 euro nel 2014, mentre il valore di altri tipi di immobili quali capannoni, uffici, negozi, laboratori artigianali e via dicendo è sceso da 2.020.362 a 1.892.701 euro, per un calo del 6,7%. In totale, dunque, il valore degli immobili è crollato da 8.490.962 a 7.281.675 euro, ossia è diminuito, come detto, del 14,2%.

Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre, ha commentato semplificando i dati:

"Siamo meno ricchi, ma paghiamo di più: due fenomeni di segno opposto che hanno contribuito a spingere il settore dell'edilizia nella crisi più pesante mai registrata negli ultimi 70 anni"

Nella sua analisi la Cgia ha tenuto conto di tutte le imposte che gravano sugli immobili, ossia quelle legate alla redditività come Irpef, Ires, Registro e bollo sui contratti di locazione e cedolare secca, le imposte relative ai trasferimenti come Iva, Registro e bollo sui passaggi di proprietà, imposte ipotecarie/catastali e di successione/donazione), le imposte sul possesso, le arcinote Imu/Ici, Tasi, imposta di scopo e Tari.

Per quanto riguarda il mercato edilizio, tra il 2010 e il 2014 le operazioni di acquisto e vendita di abitazioni sono calate del 27,3% (208mila unità in meno vendute), mentre per gli immobili strumentali il calo è stato del 25,1% (12.500 unità in meno vendute).

  • shares
  • Mail