Giubileo 2015: spunta la tassa sul pellegrino

Giubileo 205 tassa pellegrino

Il Giubileo della Misericordia 2015 indetto da Papa Francesco per il governo è anche un'occasione per fare cassa. L'esecutivo Renzi ha evidentemente pensato a come sfruttare la situazione introducendo la "tassa" sul pellegrino.

Di cosa di tratta? Si parla di un contributo su base volontaria di 50 euro che permetterà ai fedeli che dall’estero giungeranno a Roma di usufruire qualora ne avessero bisogno delle prestazioni del Servizio sanitario nazionale (Ssn).

Pagato e "comprovato da idoneo titolo" il contributo consentirà ai pellegrini che visiteranno la capitale in occasione il Giubileo straordinario di beneficiare delle prestazioni mediche pubbliche "gratuitamente", recita la norma: sì gratuitamente, ma dopo aver pagato appunto 50 euro.

Il governo Renzi ha inserito la gabella nel decreto legge sugli enti locali ora all’esame del Senato, il dl 78/2015. Tra gli emendamenti presentati la parte del leone la fanno le misure per la riduzione della spesa sanitaria, da cui si spera di ricavare 2,35 miliardi di euro dal 2015 in poi.

Quindi ancora tagli delle spese per beni, servizi, dispositivi medici, oltre a un drastico giro di vite sulla prescrizioni mediche inappropriate, con tanto di minacciata riduzione dello stipendio per i medici diciamo così distratti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail