Imprese: per 4 pmi su 5 la ripresa italiana è fragile

Pmi in crisi 2015 Unimpresa

Per 4 piccole e medie imprese (pmi) su 5 la ripresa dell'economia italiana resta fragile e incerta. Così secondo un sondaggio del centro studi di Unimpresa tra le 122mila associate secondo cui le prospettive di rilancio non possono considerarsi stabili.

Per l'81% delle micro, piccole e medie imprese italiane anche il 2015 sarà in chiaro scuro, più scuro che chiaro. Gli imprenditori lamentano innanzitutto i problemi con le banche per la concessione di credito (è così per l'81,4), poi le difficoltà nel rispettare scadenze e adempimenti fiscali, con una pressione del fisco vicina al 70% che puo solo peggiorare vsiti gli aumenti di imposte per oltre 100 miliardi di euro nei prossimi 5 anni previsti dal Documento di economia e finanza (DEF).

Altro che riduzione delle tasse senza precedenti di cui il governo demagogicamente parla un giorno si e l’altro pure. Le imprese poi devono fare i conti con i ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione, i mancati incassi da clienti privati, l’impossibilità di fare investimenti.

Tutti fattori che fanno prevedere un secondo semestre 2015 abbastanza complesso per l'economia italiana, al contrario delle più rosee stime diffuse ieri dall’Abi. Per Unimpresa invece le prospettive di una ripresa stabile e di una crescita del Prodotto interno lordo sono ridotte al lumicino. Di più: dal sondaggio emerge che le pmi nei prossimi mesi non escludono affatto una nuova serie di crisi, dissesti finanziari, fallimenti e altre procedure concorsuali.

“La ripresa è fragile, nonostante alcuni segnali positivi. Servirebbe una cura choc per la nostra economia. Invece registriamo uno stop nell'azione del governo di Matteo Renzi, che pure sembrava esser partito col piede giusto a febbraio 2014. Le recenti misure approvate in campo economico, come quella sulle perdite fiscali delle banche, dovrebbero avere effetti postivi, ma non sono inserite in un piano ampio e complessivo di politica economica, che possa mettere l'economia ia italiana in un sentiero positivo e stabile di ripresa economica"

dice il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail