I lavoratori USA di FCA votano sì al referendum sul nuovo contratto

Aggiornamento 22 ottobre 2015 - I lavoratori di FCA negli USA si stanno esprimendo con ampia maggioranza per il sì al referendum avviato ieri per i dipendenti iscritti al sindacato United Auto Workers (UAW) relativo al nuovo contratto collettivo di lavoro. Il referendum giunge a seguito dell'accordo preliminare raggiunto tra azienda e organizzazione dei lavoratori dopo mesi di trattative.

I primi e non ufficiali risultati dell'iter referendario si possono leggere sui siti internet delle organizzazioni locali del sindacato UAW. Secondo tali dati, i lavoratori delle fabbriche FCA più grandi hanno votato a favore dell'accordo con un largo margine, compreso tra il 63% e l'84% dei votanti.

Si tratta dei dipendenti di FCA degli impianti produttivi di Warren, Dundee e Sterling Heights, nello Stato del Michigan: di Belvidere in Illinois e di Toledo in Ohio. Risultati che sono però ancora in attesa di conferma da parte dei vertici di UAW a Detroit.

Di certo c'è che l'annunciato successo della ratifica, come nota ItaliaOggi, è un'ottima notizia sia per Fiat Chrysler Automobiles, che aveva dovuto incassare il voto contrario del 65% dei lavoratori alla precedente bozza di accordo, ma anche per il presidente UAW Dennis Williams che può far leva sulla successiva intesa e sul referendum per le trattative in corso sul rinnovo del contratto degli operai di Ford e General Motors.

Accordo FCA-UAW su nuovo contratto lavoratori auto USA

16 settembre 2015

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) e UAW (United Auto Workers), il sindacato Usa del lavoratori del settore automobilistico, hanno raggiunto l'accordo sul nuovo contratto di lavoro del settore auto da applicare negli Stati Uniti.

L'accordo ora farà da apripista per le future intese tra UAW e gli altri colossi USA dell'auto, General Motors e Ford. UAW aveva scelto il gruppo guidato dall'amministratore delegato Sergio Marchionne come primo interlocutore. L'accordo sul nuovo contratto ha una validità di 4 anni e riguarda circa 40 mila dipendenti di FCA negli States.

Durante una conferenza stampa congiunta il presidente del sindacato americano, Dennis Williams, ha precisato che l'accordo deve ora passare al vaglio dei lavoratori per la ratifica. Dopo settimane di trattativa si è giunti quindi all'intesa ma i dettagli del contratto non sono stati ancora svelati, bocche cucite anche dal sindacato durante la conferenza stampa seguita all'accordo.

Sergio Marchionne si è mostrato soddisfatto parlando di un contratto che aiuta "l'efficienza" e di una nuova "maturità" nei rapporti sindacali. La parte normativa del contratto - si è limitato a dire Marchionne - offre progressioni di carriera e permetterà di recuperare le differenze economiche sui nuovi assunti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail