Ires tagliata al 24-25% dal 2016

taglio ires

La riduzione della tassazione sulle imprese, con il taglio dell'Ires, potrebbe essere anticipata almeno in parte al 2016 e il provvedimento troverà spazio nella prossima Legge di stabilità.

La riduzione dell'Ires, l'imposta sul reddito delle società, era stata annunciata inizialmente per il 2017 dal governo Renzi, ma l'accelerata impressa del premier sul taglio avrebbe avuto la meglio, secondo quanto si legge oggi su Il Messaggero.

Il presidente del consiglio vuole dare un segnale al mondo imprenditoriale, assicurandosene il consenso, ma anche all'Europa in un momento in cui la ripresa ha bisogno di rafforzarsi e la legge finanziaria prossima ventura rischia di essere ricordata dalla parti di Bruxelles solo per l'abolizione della tassa sulla prima casa.

L'aliquota Ires, che oggi è al 27,5% scenderebbe perciò al 24-25% già dall'anno prossimo e non soltanto per le aziende del sud e per le pmi (piccole e medie imprese) ma per tutte. Seguirà un ulteriore taglio dell'Ires per avvicinare l'imposta alla media europea (pari al 23%) e un'altra riduzione della base imponibile dell'Irap.

Quanto costa l'operazione? in tutto 15-17 miliardi, circa un punto di Pil, e considerando che a partire dal 2016 il governo deve evitare che scattino clausole di salvaguardia per altri 16 miliardi non si capisce dove l'esecutivo pensa di reperire le coperture finanziare, risparmi di spesa stimati e a parte.

  • shares
  • Mail