Startup: i tuoi piatti preferiti a domicilio, cos'è Foodracers

Si chiama Foodracers la start-up che ha creato una piattaforma online che collega l’utenza che vuole ricevere a domicilio, a casa o in ufficio, i piatti del proprio ristorante preferito con consegne effettuate da una rete di racers (studenti, disoccupati, pensionati etc.) disponibili a effettuare il servizio di consegna.

"La nostra impresa sta avendo grande successo nei piccoli capoluoghi di provincia. E' proprio qui, infatti, che abbiamo deciso di investire e le affiliazioni dei ristoratori non si sono fatte aspettare"

dice a Labitalia Andrea Carturan, fondatore di Foodracers. La selezione dei racers avviene dopo un colloquio preliminare.

“Uno step importante a garanzia non solo della sicurezza, ma anche dell'immagine dell'azienda che rappresentano"

aggiunge Carturan. Ma come è nata la start-up?

"L'idea Foodracers è di maggio 2015. Durante numerosi viaggi in Italia e all’estero mi sono accorto della rapida diffusione che stanno avendo i servizi di consegna a domicilio, e ho visto che in Italia queste attività si trovano solo nelle città metropolitane, lasciando scoperti la maggior parte dei capoluoghi. Con il supporto di un team esperto in logistica, programmazione web e un team commerciale competente, ho creato un sistema di delivery innovativo da subito apprezzato dai ristoranti più quotati e da grandi catene di ristorazione".

Foodracers vuole creare:

"un’offerta di alta qualità per il cittadino, che finalmente potrà ricevere a casa i piatti dei ristoranti più rinomati della sua città, non solo junk food. Servizi di delivery on demand sono sempre più diffusi nelle grandi metropoli, ma nella maggior parte dei capoluoghi italiani mancano quasi totalmente, per questo Foodracers sceglie queste piazze come proprio mercato e le risposte sono positive dato che grandi catene di ristorazione come Roadhouse Grill e Befed hanno già stretto con Foodracers rapporti di collaborazione a livello nazionale. Il rapporto di convenzione in esclusiva instaurato coi ristoratori rappresenta senz’altro un punto di forza di Foodracers rispetto ai competitor, e permette di non aumentare i prezzi al cliente, salvo un piccolo contributo di consegna che verrà trattenuto dal racer".

Come funziona il servizio?

"Il funzionamento del servizio è semplice: una volta selezionata la zona di consegna sul sito foodracers.com, si può scegliere dal menu online dei ristoranti serviti nei dintorni ed effettuare l’ordine, tramite smartphone, tablet o pc, che viene notificato istantaneamente ai racers in quel momento disponibili. Il cliente ha poi la possibilità di lasciare un feedback sul servizio ricevuto garantendo un elevato standard delle prestazioni e responsabilizzando i Racers che ricevono un rating in base al quale verranno scelti per effettuare le consegne"

conclude il fondatore della start-up.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail