La bolletta della luce cambia dal 2016: chi ci risparmia e chi no

bolletta luce cambia da 2016

La bolletta della luce cambierà dall’1 gennaio 2016 con l’avvio di un processo di riforma che durerà tre anni e al termine del quale, come spiega l'Autorità per l'energia, da gennaio 2018 ogni utente pagherà in modo equo per l’elettricità che utilizza.

"Sostenere la diffusione di consumi efficienti oggi penalizzati da costi eccessivi, semplificare e rendere più trasparente la bolletta, rendere quello che paghiamo più equo e realmente aderente ai costi dei servizi di rete"

si legge in un nota diffusa dall’Autorità per l'energia elettrica e il gas. L’obiettivo primo della riforma è far risparmiare sulle tariffe elettriche, rendendole "realistiche", facendo pagare cioè alle diverse tipologie di utenza il reale consumo.

Chi risparmia e chi paga di più. La riforma delle tariffe elettriche porterà risparmi alle famiglie numerose, ma costerà un po' di più alla famiglia tipo mentre il rincaro per i single benestanti sarà più pesante. In dettaglio la revisione delle tariffe di rete nelle bollette della luce per la famiglia tipo porterà la spesa media annuale ad aumentare tra il primo gennaio 2016 e il primo gennaio 2018 di 21 euro: +0,9 euro al mese nel 2016, +0,09 euro nel 2017 e +0,76 euro nel 2018.

Per le famiglie numerose il risparmio sarà invece di circa 46 euro all’anno. I single benestanti pagheranno con la riforma 78 euro in più: +2 euro al mese nel 2016, +3,7 euro nel 207 e +0,6 euro nel 2018. Non ci saranno variazioni della tariffe per famiglie in difficoltà e i single bisognosi che godranno del bonus elettrico che sarà automaticamente potenziato dall'Autorità per l'energia l’anno prossimo. 

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail