Trasporti, partono i rincari. Codacons: “Stangata da 1,4 miliardi di euro”

trasporti-in-italia.jpg

I viaggiatori italiani, in questo 2016 appena iniziato, dovranno rassegnarsi a spendere un po’ di più rispetto all’anno precedente, per una cifra che per le famiglie italiane potrebbe essere di 1,4 miliardi di euro in più rispetto al 2015.

A denunciare la serie di rincari, già annunciati per treni e autostrade, è il Codacons:

Il 2016 si apre con una vera e propria stangata sul fronte dei trasporti. Agli incrementi dei pedaggi autostradali, infatti, si sono aggiunti a partire dall'1 gennaio scorso anche sensibili rincari per i treni. Non solo. Costa di più anche partire in aereo, a causa dell'aumento dell'addizionale sui biglietti aerei.

Viaggiare in autostrada, nel 2016, costerà mediamente lo 0,86% in più rispetto all’anno precedente, mentre chi viaggia in treno dovrà affrontare una spesa del 2,7% in più nel caso dell’alta velocità e del 3,5% in più per l’utilizzatissima tratta Roma-Milano.

Carlo Rienzi, presidente di Codacons, spiega:

Come se non bastasse, è aumentata di 2,5 euro anche l'addizionale comunale sui biglietti aerei, che porta l'odioso balzello a 9 euro a passeggero, 10 se si parte da Ciampino o Fiumicino.

E non finisce qui. Nel corso dei prossimi mesi, secondo il Codacons, è previsto un aumento per tutti gli altri mezzi di trasporto, dai traghetti agli autobus, passando per i taxi e per le navi:

Una vera e propria stangata si abbatterà sugli italiani al punto che le famiglie nel corso del 2016 spenderanno complessivamente oltre 1,4 miliardi di euro in più solo per la voce trasporti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail