L'americanata dello sbarco di Ferrari a Piazza Affari | Video

Il titolo è stato subito sospeso per eccesso di ribasso.

La Ferrari è sbarcata a Piazza Affari, anzi, l'ha praticamente invasa. Già da ieri Palazzo Mezzanotte è stato "addobbato" interamente di rosso con cavallini sparsi a destra e a manca e l'intera gamma di auto è stata parcheggiata nella piazza. Stamattina alle 9:03 è partita l'avventura della nota azienda automobilistica nella Borsa Italiana che l'ha accolta, dobbiamo dirlo, con una vera e propria "americanata"…

Il presidente della Ferrari Sergio Marchionne, il presidente di FCA John Elkann, l'amministratore del Cavallino rampante Amedeo Felisa e l'erede del mitico Drake, Pietro Ferrari, dopo un lungo countdown hanno suonato la campanella, una tradizione che in realtà è tipica di Wall Street, anche se ultimamente è stata "importata" anche da Piazza Affari.

Marchionne ha anche lasciato il suo messaggio con autografo all'ad di Borsa Italiana Raffele Jerusalemi, definendo l'evento di oggi per Ferrari un nuovo traguardo e una nuova partenza. Ma il richiamo alle corse è stato continuo e costante in tutti i discorsi di coloro che sono intervenuti sul palco, tra i quali c'è stato anche il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, che ha cercato anche di prendersi un po' il merito di questa operazione, ricordando di aver chiesto a Marchionne di quotare Ferrari a Piazza Affari dopo che lo sceso ottobre il Cavallino è sbarcato a Wall Street.

Machionne, dal canto suo, neanche in questa "solenne" giornata, forse un po' troppo cerimoniosa, ma comunque importante, si è degnato di indossare giacca e cravatta per la gioia di chi è ancora convinto (erroneamente) che "l'abito non faccia il monaco", al contrario del Team Principal della Scuderia Ferrari Maurizio Arrivabene, che, nonostante sia abituato alle tute ignifughe, oggi si è presentato in un elegante doppiopetto.

Il titolo alle 9 in punto ha aperto a 43 euro, meno dei 48,06 dollari segnati alla chiusura di Wall Street, poi in pochi minuti è scivolato ed è stato sospeso a 41,75 euro, risentendo della giornata difficile che sta vivendo la Borsa stamattina. La sospensione è durata pochi minuti, poi il Cavallino è rientrato nelle contrattazioni a 41,91 euro, mentre la ricapitalizzazione di mercato è di circa 7,92 miliardi di euro.
FCA ha risentito dello scorporo della Ferrari e ha aperto la seduta a 8,48 euro per azione, con un calo del 32,43%.

Foto © Borsa Italiana e Getty

L'intervento di Sergio Marchionne

L'intervento di Matteo Renzi

  • shares
  • Mail