Cibo, ma quanto mi costi!

Con l’arrivo delle vacanze il caro-vita non risparmia i milioni di italiani che andranno in vacanza. Ma anche quelli che rimangono a casa. Aumentano i prezzi dei ristoranti, dell’alcool e del cibo. Si avvicinano le vacanze e i consumatoti si vedono costretti a sborsare un pò di più rispetto l’anno precedente. Se da un lato il costo di un biglietto aereo scende, non è lo stesso per gli alimentari, le bevande analcoliche e il cibo, che secondo i dati Istat sono rincarate del 2,7% rispetto a maggio del 2006 mentre le bevande alcoliche e tabacchi sono aumentati addirittura del 4,4%.
Ma non solo alcool e cibo registrano un aumento: in lista compaiono anche i servizi ricettivi, che come quelli di ristorazione, sono aumentati del 2,6% , così come il costo per i mobili e i servizi della casa.
Ma in tutto questo c’è anche una nota positiva. Infatti, i biglietti aerei sono diminuiti del 7,2% e il costo delle telefonate sono calate nel mese di maggio dell’8,1% .
Insomma, brutte notizie per coloro che sognavano una vacanza a base di spaghetti allo scoglio o fritto misto di pesce! Dovranno fare a meno di qualche uscita al ristorante e limitarsi ad un solo cocktail a serata e se davvero non se ne può fare a meno consoliamoci pensando di aver risparmiato almeno sul biglietto del volo. E... Buone vacanze a tutti!
(Vedi articolo CITY)

  • shares
  • Mail