Eurispes: "Siamo tutti evasori? Probabilmente sì". Sommerso Italia 1/3 del PIL

cuneo fiscale

L'economia sommersa in Italia vale 1/3 del Prodotto interno loro (Pil), in valori assoluti parliamo di 540 miliardi di euro, per un'evasione fiscale che ammonterebbe a 270 miliardi di euro secondo il rapporto 2016 dell'Eurispes pubblicato oggi.

Il Pil ufficiale - nel cui conteggio ufficiale, lo ricordiamo, entrano ormai anche attività illecite come droga e sfruttamento della prostituzione - è pari a circa 1.500 miliardi di euro spiega lo studio dell'Eurispes che alle cifre snocciolate finora aggiunge oltre 200 miliardi di economia criminale.

Ai circa 540 miliardi di sommerso, considerando una tassazione del 50%, corrispondono 270 miliardi di soldi nascosti al Fisco. Sarà per questo che l'Istituto di ricerca chiede (anzi, si chiede visto che dà anche la risposta) "Siamo tutti evasori? Probabilmente sì" per descrivere un fenomeno che assume sempre più caratteristiche di massa, in cui il lavoro nero sguazza alla grande.

Per gli italiani intervistati le categorie che lavorano senza contratto sono soprattutto le baby sitter (indicate nell'80% dei casi), gli insegnanti di ripetizione (78,7%) e i collaboratori domestici (72,5%). Seguono badanti, giardinieri, muratori, idraulici, elettricisti, falegnami e medici specialisti (50%). L'anno scorso, secondo lo studio, ad accettare un lavoro senza contratto è stato il 28,1% degli intervistati, contro il 18,6% del 2014.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail