Istat, nel paniere entrano tatuaggi, auto usate e leggins per bebè

Dal paniere per l’inflazione escono invece cuccette e vagoni letto.

L’Istat ha presentato le novità che riguardano il paniere per il calcolo dell’inflazione: tra le più rilevanti c’è l’ingresso di tatuaggi, bevande vegetali, servizi integrati di telecomunicazione, pantaloni corti da uomo, leggins per bambine, lampadine led, panni cattura-polvere, alloggi universitari, auto usate e trapani elettrici. Escono invece dall’elenco dei beni i cui prezzi vengono presi in considerazione per la valutazione dell’inflazione le cuccette e i vagoni letto.

Carlo Rienzi, presidente del Codacons, non capisce i cambiamenti e in particolare l’aumento del peso dei servizi ricettivi e di ristorazione da una parte e il calo di quello dei prezzi della divisione trasporti dall’altra, infatti dice:

“Va bene inserire nel paniere i tatuaggi, le lampadine al led e i servizi integrati di telecomunicazione, perché negli ultimi anni tali prodotti sono entrati prepotentemente nella vita degli italiani. Il vero problema dell'inflazione, tuttavia, è rappresentato dai pesi che l'Istat attribuisce alle singole voci. Negli ultimi anni le famiglie hanno tagliato fortemente proprio viaggi e cene al ristorante, mentre la voce trasporti incide pesantemente sulle uscite mensili dei cittadini”

Neanche Federconsumatori e Adusbef sono entusiasti delle novità apportate al paniere Istati. I presidenti delle due associazioni di consumatori, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, in un comunicato congiunto scrivono che si tratta solo di “piccoli adeguamenti che non cambiano la sostanza” e aggiungono:

“Per una maggiore attinenza alla realtà è fondamentale affrontare seriamente un riequilibrio dei pesi dei beni del paniere: rendendo più realistici i pesi assegnati ad alcune voci, come ad esempio quella importantissima relativa all'RC auto”

Secondo le associazioni di consumatori, inoltre, è stato un errore negli scorsi anni inserire nel paniere prodotti tecnologici molto costosi e dalla diffusione ancora limitata che con la loro inevitabile caduta dei prezzi ha condizionato al ribasso il tasso di inflazione. Federconsumatori e Adusbef ritengono che questo tipo di prodotti andrebbe inserito nel paniere solo dopo aver raggiunto una soglia di diffusione corrispondente ad almeno il 20% della popolazione.

Tatuaggi nel paniere prezzi Istat per inflazione

  • shares
  • Mail