Caramelle Rossana in vendita? Sindacati pronti a dare battaglia

rossana.jpg

La multinazionale Nestlè, che ha acquisito la Perugina nel 1988, vorrebbe mettere in vendita i marchi delle storiche caramelle Rossana e della linea di pasticceria "Ore liete". L'indiscrezione è filtrata alla vigila della presentazione del nuovo piano industriale.

A lanciare lo scoop, è stato oggi un articolo del Corriere della Sera. Scrive a riguardo il quotidiano di Via Solferino:

"Nestlè ha deciso di rinunciate alle caramelle Rossana e alla pasticceria a marchio ‘Ore liete’, prodotti storici che la multinazionale di Verey possiede in Italia da oltre trent’anni. Cioè da quando si è comprata la Perugina che aveva lanciato la caramella rossa nel 1926 per rendere omaggio alla dama amata da Cyrano de Bergerac, ma che adesso finirà in alte mani"

L'Ansa ha interpellato i vertici aziendali, dove però si sono rifiutati di commentare. Dalla Perugina fanno sapere che c'è "massimo rispetto per le relazioni sindacali, soprattutto in vista dell'incontro di domani in Confindustria".

Pronta è arrivata la reazione dallo stabilimento di Perugia, dove lavorano 800 dipendenti fissi e circa 300 stagionali. Oggi è stata proclamata un'ora di sciopero. E Michele Greco (Flai Cgil), come riporta Umbria 24, fa sapere che "così la trattativa parte ancora di più in salita per quella che è una decisione su cui non siamo d’accordo e che viene fatta trapelare in modo così irrituale il giorno prima dell’incontro".

Tra le possibili aziende pronte a rilevare i marchi Rossana e "Ore Liete" ci sarebbero Ambrosoli, Sperlari, Dufour Novi, Elah e Perfetti.

Eppure lo scorso 10 febbraio, in occasione dell'incontro tra azienda e lavoratori, i sindacati si erano mostrati soddisfatti. Dopo le molte richieste, la Nestlè aveva reso noto che avrebbe finalmente svelato il piano industriale e, a detta dei partecipanti, pare che si fosse avviato un dialogo costruttivo tra le parti.

Credit Photo | Youtube

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail