Renzi agli imprenditori stranieri: “Investite subito in Italia, nel 2017 niente superammortamento”

Il Premier è in visita negli Stati Uniti e a Chicago ha parlato agli imprenditori delle macchine utensili.

Matteo Renzi a Chicago con imprenditori

Matteo Renzi in questi giorni è in visita negli Stati Uniti e oggi è stato a Chicago dove, oltre a inaugurare la scuola Enrico Fermi, ha anche parlato davanti agli imprenditori delle macchine utensili invitandoli a investire in Italia, perché è il momento giusto, ma li ha anche avvisati che è meglio affrettarsi.

Uno degli imprenditori partecipanti al meeting ha fatto notare che alle imprese non servono soldi, ma una maggiore semplificazione e Renzi ha risposto:

“D'accordo, ma anche i soldi non fanno schifo, ed ecco perché vi invito ad approfittare del superammortamento sui beni di investimento, che non credo confermeremo nel 2017: chi ha voglia di investire lo faccia quest'anno”

Poi Renzi, dopo aver sottolineato il nuovo record di export grazie soprattutto al settore meccanico, ha aggiunto:

“Stiamo lavorando moltissimo perché in Italia le cose svoltino e qualcosa si sta muovendo, i segnali di cambiamento sono forti”

Facendo riferimento ai soliti “gufi” ha poi detto:

“Non ne possiamo più delle barzellette sui conti pubblici che sento nei talk show”

e ha detto che la ritrovata stabilità politica grazie alle riforme rende ora l’Italia credibile sul piano internazionale e ha spiegato:

“Ora abbiamo tutte le condizioni per tornare a essere nei prossimi 20 anni un paese leader, non solo in Europa e la globalizzazione, in questo senso, rappresenta un'occasione per fare incassare all'Italia un dividendo straordinario”

Secondo Renzi l’Italia va raccontata in modo completamente diverso rispetto a come è stato fatto negli ultimi decenni:

“Per anni siamo andati in giro nel mondo parlando solo dei nostri problemi. È come se un direttore commerciale dicesse ai potenziali clienti: il mio prodotto fa schifo. Come si fa a vendere? I problemi in Italia ci sono, ma vanno sconfitti”

poi però ha chiarito che il governo da solo non ce la fa:

“Non abbiamo la bacchetta magica, tutti dobbiamo dare una mano. Dobbiamo lavorare senza polemiche, senza dividerci, portando questa bandiera in giro per il mondo. Il nostro impegno è riportare l'Italia là dove deve stare: al vertice

Foto © Governo

  • shares
  • Mail