Il business della contraffazione vale 500 miliardi di dollari all'anno

Made in Italy alimentare

Il business della contraffazione vale quasi 500 miliardi di dollari l'anno e l'Italia è il secondo Paese più colpito al mondo dopo gli States e davanti alla Francia. Così secondo l’Organizzazione per lo sviluppo economico e la cooperazione (Ocse) che in un rapporto stima che i beni contraffatti rappresentano il 2,5% della merce totale importati a livello mondiale, per un controvalore di 461 miliardi di dollari nel 2013.

Nella sola Unione europea la contraffazione e la pirateria sull'import totale arriva al 5%. Lo studio Ocse riguarda tutti i beni fisici, ma non si estende alla pirateria online che è un ulteriore batosta per l'economia regolare e in prospettiva lo sarà sempre di più. Lato produttori, il maggiore "fornitore" di beni contraffatti è la Cina che da sola copre il 63,2% del totale, seguita dalla Turchia, ma con una percentuale molto inferiore, solo il 3,3% su scala globale.

La prima vittima della contraffazione si trova Oltreoceano: negli States marchi e brevetti subiscono una contraffazione del 20%. Al secondo posto su scala globale c'è l’Italia con il 15% di contraffazione, un caso su sei circa, decisamente troppo considerando una mole economica considerevolmente più ridotta rispetto agli Usa. Francia e Svizzera sono al terzo posto con una quota del 12% mentre Germania e Giappone si attestano all’8%.

In ogni caso "a differenza di quanto si crede comunemente, i risultati del rapporto contraddicono l'idea che la contraffazione danneggi solo grandi imprese e beni di lusso” dice Doug Frantz, vice segretario generale dell'Ocse, le cui parole sono riportate da Askanews.

Di certo la contraffazione e la pirateria commerciale non conoscono confini, non solo in senso geografico: dall’alimentare, all’abbigliamento agli accessori fino ai macchinari, passando per la chimica e i profumi. Un fenomeno che tra l’altro mette spesso a rischio la sicurezza degli utenti finali (si pensi agli alimenti o ai giocattoli) perché i prodotti contraffatti in genere non hanno le caratteristiche degli originali, oltre a essere venduti con informazioni fasulle e ingannevoli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail