Statali: aumenti solo per gli stipendi più bassi?

Stipendi statali bloccati 2014

Spuntano gli aumenti di stipendio gli statali, bloccati da sette anni, ma non per tutti, almeno per ora. Dopo quasi sette anni di blocco qualcosa di muove. Per ora siamo al capitolo annunci ma la trattativa sta comunque per partire. Il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, starebbe lavorando sulla direttiva da dare l’Agenzia per la rappresentanza negoziale della pubblica amministrazione, spiega oggi Il Messaggero. Sindacati da una parte e Aran dall'altra insomma, finalmente.

Ma una prima decisione sarebbe stata già presa, al ribasso. L’aumento della parte tabellare dello stipendio non sarà a favore di tutti e tre i milioni di dipendenti pubblici. Costerebbe troppo. Gli gli aumenti scatterebbero solo per i redditi più bassi, un po' come fatto con il bonus da 80 euro.

Non sarebbe ancora stato deciso, riporta ancora il quotidiano capitolino, se nella direttiva all’Aran sarà indicata una soglia di reddito al di sotto della quale dare l’aumento, o se ciò sarà lasciato alla contrattazione tra le parti.

Il no agli aumenti a pioggia è questione di finanze. Per il rinnovo dei contratti il governo ha messo sul tavolo 300 milioni, pochi per i sindacati, ma tant'è. 300 mln diviso 3 milioni di dipendenti fa circa 10 euro al mese in più. Per evitare questo il micro-aumento, in questa fase, il governo preferirebbe intervenire solo per sui redditi più bassi.

  • shares
  • Mail