Pensioni e lavoro: confronto governo-sindacati. Poletti: "clima positivo"

Dopo la minaccia di sciopero avanzata della Cgil il governo decide di aprire un tavolo di confronto sulle pensioni al ministero del Lavoro per discutere di modifica della legge Fornero sulla previdenza e di politiche del lavoro. Stamattina si è tenuto il primo incontro interlocutorio tra tra l’esecutivo e i rappresentati delle tre maggiori sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil.

Il clima è stato “molto positivo" ha detto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti aggiungendo che il confronto proseguirà con "due distinti incontri su pensioni e politiche del lavoro", come riporta l’Ansa. Per ora non si è discusso in concreto né nel merito degli interventi da adottare né sulle risorse da stanziare; l'obiettivo dichiarato è comunque quello di arrivare a misure condivise. Sulla revisione della riforma Fornero è stato ribadito il solito mantra relativo alla volontà di introdurre flessibilità in uscita con la prossima Legge di Stabilità, compatibilmente con i vincoli di bilancio ha precisato il ministro.

Dal fronte sindacale le reazioni sono caute:

"La notizia è che oggi, dopo lungo tempo, il governo ha proposto di avviare un confronto di merito su due grandi temi: previdenza e lavoro. E' il risultato della nostra iniziativa, innanzitutto quella sulla piattaforma delle pensioni, e di aver tenuto sempre alta la pressione. Non è una novità da poco"

ha detto il segretario generale della Cgil Susanna Camusso spiegando che "

il confronto di oggi è stato sostanzialmente sulla compilazione dell'agenda. Il ministro si è impegnato a convocare successivi incontri di merito in cui misureremo anche se il confronto si traduce in una effettiva disponibilità a costruire soluzioni o si limita all'ascolto".

Per il leader della Uil Carmelo Barbagallo:

“Dal punto di vista del metodo abbiamo iniziato col piede giusto. Vedremo di capire se sarà così anche nel merito. Vedremo come proseguirà la discussione di merito"

Sulla stessa linea Annamaria Furlan per la Cisl:

"E' una giornata positiva, che premia il lavoro che Cgil, Cisl e Uil hanno fatto con fatica in questi mesi. Spero che oggi segni davvero un cambio di passo nel rapporto tra governo e sindacati. Nei temi che il ministro ha messo sul tavolo c'è la previdenza, il lavoro, lo sviluppo e la crescita. Con questa giornata si è cominciato bene, mi auguro che si prosegua bene. Il merito lo vedremo"

ha affermato il segretario generale della Cisl.
   

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail