India annulla gare d'appalto vinte da Finmeccanica

L’India annulla tutte le gare dopo l'inchiesta per corruzione sulla controllata di Finmeccanica Agusta Westaland. Nuova Delhi: “L'azienda finirà nella black list”.

seles finmeccanica

A 48 ore dal rientro in Italia dall'India del marò Salvatore Girone, il governo di Nuova Delhi ha cancellato tutte le gare d'appalto nel campo della difesa vinte da Finmeccanica a seguito dell'inchiesta per presunta corruzione che aveva coinvolto la controllata Agusta Westland nel subcontinente.

Le indagini sulle sospette tangenti riguardavano un appalto da 560 milioni di euro per la fornitura di 12 elicotteri Agusta Westland. Subito dopo che la Corte Suprema aveva deciso di rimpatriare il fuciliere di Marina Girone il Ministero della Difesa di Nuova Delhi aveva annullato un contratto da 300 milioni di dollari con il colosso italiano per la fornitura di siluri per i sottomarini indiani.

L'agenzia Pti riferisce le parole del ministro della Difesa indiano Manohar Parrikar secondo cui è stato già avviato il processo per inserire l'azienda italiana nella "black list". "Dovunque c’è una intenzione di acquisizione da parte di Finmeccanica e delle sue sussidiarie, le corrispondenti Richieste di presentare una proposta (Rfp) da parte dell’India saranno revocate. Su questo sono molto chiaro”. La manutenzione annuale o l'importazione di componenti di beni già acquistati dall'India comunque proseguiranno, ha detto il ministro.

Nell’inchiesta su mazzette e corruzione l’ex ad di Finmeccanica Giuseppe Orsi è stato condannato in appello a 4 anni e mezzo di carcere per corruzione internazionale e false fatturazioni. L'ex ceo di Finmeccanica avrebbe portato avanti “attività di depistaggio allo scopo di sottrarsi al processo” e “un’intensa attività d’inquinamento probatorio“. Per le stesse accuse è stato condannato a 4 anni anche Bruno Spagnolini, ex amministratore delegato della controllata Agusta Westland.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail