Occupati in aumento a giugno ma a crescere sono i lavoratori indipendenti

disoccupati giugno

Gli occupati sono in aumento a giugno 2016, per 71mila persone in più (+0,3%) che lavorano su base mensile secondo i dati Istat su occupazione e disoccupazione diffusi oggi. Gli occupati sono 329mila in più rispetto a giugno 2015. L'Istituto nazionale di statistica parla di proseguimento del trend di crescita degli occupati iniziato nell'ultimo trimestre.

Più in dettaglio l'incremento rispetto al mese di maggio riguarda in larga parte i lavoratori indipendenti, +78mila su base congiunturale, mentre sono 83mila in più rispetto all'anno scorso. Rimangono in sostanza invariati su base congiunturale i lavoratori dipendenti permanenti che anzi sono -4mila rispetto al precedente maggio e +207 mila su base annua.

Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni è in leggera diminuzione mensile a giugno, ma pur sempre su livelli altissimi, pari al 36,5%, in calo dello 0,3%: sarà pure il livello più basso da ottobre 2012 ma dopo di noi in Europa ci sono solo Grecia e Spagna.

Nel secondo trimestre dell'anno l'Istat segnala ancora "un consistente" aumento degli occupati, con 145mila unità in più rispetto al primo trimestre (+ 0,6%) e segni di crescita diffusi per genere, posizione professionale e carattere dell'occupazione.

Il tasso di disoccupazione generale invece sempre a giugno 2016 risale dello 0,1% mensile per attestarsi all'11,6%, anche se - si affretta a precisare l'Istat - l'aumento è dovuto alla flessione del numero di inattivi, di coloro che cioè un lavoro non lo cercano nemmeno più tanto sono sfiduciati.

Il premier Matteo Renzi su Twitter commenta:

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail