Truffa mail "Equitalia": il finto avviso di pagamento

La Polizia di Stato, nella figura virtuale dell'Agente LISA, mette in guardia dall'ennesima truffa digitale. La segnalazione di oggi riguarda le mail mandate dal mittente "Equitalia S.p.A.": non si tratta davvero di Equitalia bensì di truffatori che cercano di rubare soldi ai cittadini meno attenti o meno abituati agli strumenti digitali.

La truffa non rappresenta certo una novità ma è sempre bene prestare attenzione: mail di questo genere contengono link che portano direttamente al sito del truffatore di turno camuffato da sito ufficiale. Così i criminali cercano di ottenere un pagamento da parte del cittadino.

Nel caso di Equitalia è molto facile capire che si tratta di una truffa, perché comunicazioni di questo tipo arrivano non via e-mail ma via posta ordinaria ("anche qui accertatevi che sia una vera raccomandata quindi con tutti i timbri e i bolli delle Poste italiane", ricorda Lisa).

In generale comunque è sempre sconsigliabile cliccare sui link di email di questo tipo (banche, assicurazioni, ecc.). In caso di dubbio aprire il browser e digitare direttamente nella barra degli indirizzi la url del sito web ufficiale della banca, senza cliccare su nessuno dei link presenti nella mail.

  • shares
  • Mail