Sblocco contratti pubblici, Madia: aumento di 85 euro

rinnovo  contratti statali

Il Consiglio dei ministri ha dato l'ok definitivo a cinque decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione che porta il nome della titolare del dicastero competente Marianna Madia. Tra i provvedimenti più attesi quello sulla dirigenza ma il via libera definitivo riguarda anche il riordino delle camere di commercio, dei servizi pubblici locali, degli enti di ricerca e il provvedimento di semplificazione Scia Bis.

Rinnovo contratti pubblici. In tema di contratti del pubblico impiego, bloccati a ben 7 anni, il ministro Madia ha parlato di un aumento medio pro capite di 85 euro come cifra prevista dal rinnovo dei contratti degli statali, secondo quanto apprende l'Ansa dopo l'incontro tra governo e Cgil, Cisl e Uil per giungere alla bozza di accordo sullo sblocco della contrattazione.

Madia ha spiegato che da ora in poi si andrà avanti a oltranza con le parti sociali per mettere a punto l'accordo per arrivare allo sblocco della contrattazione nel pubblico impiego; i leader dei tre sindacati dovrebbero incontrarsi nuovamente con il ministro oggi.

I sindacati hanno già chiarito che non accetteranno aumenti di salario sotto agli 85 euro, la condivisone della bozza di accordo, che sarà preceduta da incontri anche con l'Aran, dipende in larga parta da questo punto. Verrebbe anche superata la legge Brunetta, giudicata punitiva dall'attuale esecutivo, facendo così partire anche nel pubblico impiego la contrattazione di secondo livello.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail