Capodanno 2013: veglione casalingo per 8 italiani su 10

A festeggiare l’anno nuovo in un locale o in vacanza sarà solo il 14% degli italiani secondo un sondaggio di Confesercenti/Swg. Il clima di crisi economica e d’incertezza verso il futuro non risparmiano la notte di San Silvestro. Un milione di famiglie, il 4% degli intervistati, dichiara che non festeggerà il 2013 per motivi economici:

alla domanda dove passerà il veglione di Capodanno, l'82% del campione di italiani intervistato risponde che aspetterà l'arrivo del 2013 con cenoni e brindisi "fatti in casa" (era l'86% nel 2011).

8 italiani su 10 rimarranno quindi a casa, con un occhio al portafoglio, riscoprendo i prodotti della tradizione come lenticchie, zamponi e cotechini, sottolinea la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori). C’è comunque un 6% degli italiani intervistati da Swg che ha espresso l’intenzione di voler passare la serata di Capodanno a cena al ristorante, facendo segnare un +4% rispetto al 2011, l’unica previsione che ci riporta agli anni precedenti alla crisi.

E siamo alla spesa media per il veglione, in diminuzione per il terzo anno di fila, del 3%. In tutto gli italiani spenderanno per salutare l’anno nuovo più di due miliardi di euro, circa 300 milioni in meno rispetto al Capodanno 2011.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail