Codice della strada o della discordia?

Nuovo codice della strada Tolleranza zero e pugno di ferro per gli indisciplinati al volante, parola di Alessandro Bianchi. Con 3.447 morti per incidenti stradali, 143.136 scontri e 102.490 feriti l'Italia si aggiudica un triste primato di mortalità su asfalto in Europa con una media nettamente superiore del 13% agli altri stati comunitari. Circa 900 morti in più sulla media e 2700 in più rispetto ai migliori della classe (v. articolo), precipitano il Bel Paese al fondo delle classifiche sulla sicurezza.
Dai dati ETSC (organismo europeo per la sicurezza stradale) riferiti dal 2001 al 2005, la Francia figura al primo posto (-35%) per riduzione del numero delle vittime mentre l'Italia è al 14esimo posto della classifica a 27.

L'indagine ha preso in esame tre fattori per rilevare i progressi compiuti da ciascun Paese nella riduzione del numero di vittime sulla strada: l'Italia registra -18% dopo l'impiego della patente a punti. A determinare il successo francese, maggiori controlli, misure atte a far rispettare i limiti di velocità, i controlli per la guida in stato di ebbrezza, ma anche campagne d'informazione. Per quanto riguarda le cinture di sicurezza, l'Italia mostra un utilizzo che sfiora l'80%, tra i più alti d'Europa. Drastico il crollo se si tratta invece di cinture posteriori, che comunque sarebbero obbligatorie.

Nuove regole e vecchie sanzioni

Alla vigilia dell'esodo estivo che vede oltre 11 milioni di persone impegnate in spostamenti da una parte all'altra del Paese entrano in vigore le nuove regole sulla sicurezza stradale. Le nuove norme prevedono inasprimenti sanzionatori per i reati di guida in stato di ubriachezza o sotto l'effetto di stupefacenti e introducono pene più severe anche per chi guida senza patente e chi usa telefonini. Inoltre finisce l'epoca degli autovelox nascosti che invece ora dovranno sempre essere segnalati anche nei piccoli comuni.
Ecco in sintesi le principali novità introdotte:

Eccesso velocità

Incominciamo con le multe per eccesso di velocità, restano valide le norme già in vigore ma vengono aggiunte due nuove fasce:
" 1) dai 40 ai 60 km/h oltre il limite è previsto il pagamento di una somma dai 370 ai 1.458 euro con sospensione della patente da tre a sei mesi (da otto a diciotto mesi se in due anni il reato è ripetuto);
" 2) oltre i 60 km/h la multa da pagare è fissata tra i 500 ed i 2.000 euro e la sospensione della patente parte da sei fino a dodici mesi con possibile revoca della patente.
Alcol e droghe

La vera torquemada però riguarda chi guida sotto effetto di alcol e stupefacenti:
" 1) multa fissata da 250 a 2.000 euro per chi viene trovato con un livello di alcol nel sangue tra gli 0,5 e gli 0,8 grammi (due bicchieri di vino o una birra da 66 cl), previsto l'arresto fino a un mese e la sospensione della patente da tre a sei mesi; le sanzioni si inaspriscono per il tasso intermedio multa, da 800 a 3.200 euro per chi viene trovato con un livello di alcol nel sangue tra lo 0,8 e gli 1,5 grammi, previsto l'arresto fino a tre mesi e la sospensione della patente da sei mesi a un anno; per chi supera l'1,5 la multa può arrivare fino a 6.000 euro con arresto fino a sei mesi e sospensione della patente da uno a due anni.
" 2) multa da 1.000 a 4.000 euro, arresto fino a tre mesi (con in alternativa servizi sociali) e sospensione della patente da sei mesi a un anno per chi guida dopo essersi drogato.

Guida senza patente

Per chi si mette al volante senza aver conseguito la patente di guida, con patente revocata o non rinnovata è prevista una sanzione pecuniaria che va' da 2.257 a 9.032 euro e l'arresto fino a un anno in caso di recidiva nel biennio.
Telefonini
Il Codice della strada vieta ai conducenti di usare apparecchi radiotelefonici, multe da 148 a 594 euro e sospensione della patente di guida da uno a tre mesi per la recidiva nel biennio, un eccezione per l'utilizzo di telefonini ed apparecchi col vivavoce o l'auricolare a patto che ciò non implichi l'uso delle mani.

Autovelox

Sarà obbligatorio segnalare la presenza di autovelox con cartelli o segnali luminosi da una certa distanza, i guidatori potranno rallentare evitando brusche frenate.

Neopatentati

Chi si è visto rilasciare la patente dal 180esimo giorno dall'entrata in vigore del decreto Bianchi, sarà soggetto ad nuova limitazione alla guida, riferita alla tara del veicolo, che non può essere superiore a 50 chilowatt per tonnellata.

Motocicli

"L'autorizzazione a guidare motocicli di potenza superiore a 25 kilowatt o con rapporto potenza/peso (riferito alla tara) superiore a 0,16 Kw/kg è subordinata al conseguimento della patente A da almeno due anni". Così prevede l'ultima direttiva Ue che ha riformulato l'art 117 del Codice stradale.

Trasporto minori

Divieto assoluto di trasporto dei minori di 4 anni su veicoli a due ruote, pena una sanzione da 148 a 594 euro.

  • shares
  • Mail