Aeroporti: multe “ad alta quota” per ritardi e inefficienze

Multe aereoporti Mentre Pechino vieta categoricamente alle compagnie aeree di ritardare i voli ed alle agenzie di concedersi “overbooking” per il periodo olimpico, pena sanzioni e revoca delle licenze, in Italia viene preso qualche provvedimento per multare le inefficienze dei cieli.

L’Enac, stando all’accordo con il governo stretto in questi giorni, dovrebbe fra qualche mese avere potere sanzionatorio nei confronti delle società di gestione, e potrà impedire l’innalzamento delle tariffe nel caso in cui non vengano rispettati gli standard qualitativi internazionali.
Puntualità del volo, code ai check in o ritardi nella consegna dei bagagli saranno nell’occhio del mirino dell’ente di controllo, che terrà sotto stretta osservazione la puntualità di tutti i servizi degli aeroporti nazionali. Tempi di rifornimento, pulizie e gestione degli slot saranno passati al cronometro con la stipula dei contratti di programma (prevista per giugno), per garantire e mantenere la qualità del servizio.

In attesa di un più severo “controllo qualità” sui cieli italiani la Fondazione Civicum ha stilato una classifica degli aeroporti più efficienti della penisola. Al primo posto troviamo l’aeroporto do Torino Caselle, primo in Italia in quanto a dotazioni strutturali per passeggero, seguito da Bologna e Malpensa, che invece che per quanto riguarda il traffico ha superato Fiumicino con 18,7 milioni di passeggeri contro 17,2 nel 2006.
Nel 2006 i due scali romani (Fiumicino e Ciampino) hanno fatto viaggiare piu' persone e merci (Wlu) di quelli milanesi (Malpensa e Linate). Terzo aeroporto per volume di traffico e' stato invece Venezia. Secondo i dati diffusi nella mattinata di oggi, nel 2006 circa il 72% dei passeggeri e' transitato per gli aeroporti di Roma (Ciampino e Fiumicino che rappresentano il 38% del traffico) e Milano (Malpensa e Linate pari al 34%), mentre Bergamo-Orio al Serio ha visto transitare il 6% dei passeggeri.

  • shares
  • Mail