Le banche alla resa dei conti sulla microfinanza

Microfinanza Una passione recente quella delle banche italiane per la microfinanza, che registra l’adesione del 70% degli istituti. Parte integrante dei piani strategici degli istituti di credito il microcredito piace agli italiani ed anche alle banche.

Cosa si intende per micro finanza?
Si tratta di tutti quei servizi a misura di micro risparmiatore che consentono un accesso facilitato agli strumenti di finanziamento. Dai privati alle piccole imprese, diversi i clienti potenziali e diversi i prodotti sul mercato del microcredito che sembrano catturare l’attenzione delle banche. Tra i prodotti più gettonati entro la categoria di micro-finanza troviamo i conti correnti e servizi di pagamento (49%), seguono credito (31%) e risparmio (20%).

Sul versante “credito” spiccano finanziamenti a medio termine tra gli 1 e i 5 anni, finanziamenti fino ad un anno, credito al consumo e finanziamenti per l’acquisto della prima casa. Il target invece sembra al momento prevalentemente straniero: gli immigrati sono al primo posto per diffusione dei prodotti. E ciò è vero per i servizi, per il credito ed anche per il risparmio. Nei servizi spiccano anche famiglie e studenti. Nella sezione credito emergono i lavoratori atipici. In buona posizione gli imprenditori immigrati.

Sono impegnate sul tema oltre 81% delle banche in termini di totale attivo. Il 78% lo ha inserito nei propri piani strategici”.
Promuovono servizi di microfinanza banche che rappresentano il 70% del totale attivo e circa il 73% degli sportelli. Sono i primi dati che emergono della nuova ricerca condotta dall’ABI sul tema Banche e inclusione finanziaria.

  • shares
  • Mail