Multe senza sosta per gli italiani!

Multe 47, 3 euro l’anno per ogni patentato. Questo quanto spendono gli italiani per saldare il conto con i comuni sulle contravvenzioni, una vera e propria tassa sugli spostamenti che va ad aggiungersi ad assicurazione, bollo auto, caro carburante ed autostrade.
Secondo quanto accertato dal Sole 24Ore nel 2006 (ultimi consuntivi disponibili) i Comuni avrebbero incassato multe per quasi 1,5 miliardi (1.449 milioni, per essere precisi).

Un incremento di introiti del 16% per gli enti locali che rispetto al 2005 hanno accumulato un ricco “tesoretto”. Il dato rilevante però riguarda l’impennata del 76,3 per cento registrata negli ultimi 5 anni.

La geografia delle contravvenzioni
Le multe non fioccano allo stesso modo lungo tutto lo Stivale però. Detiene il primato per spesa media in contravvenzioni Firenze, che segna un aumento del 7% rispetto a quanto accertato nel consuntivo 2005 portando la spesa media annua a 117,1 euro per abitante. Che si tratti di T-red, violazione di Ztl o divieti di sosta poca importa quando il bilancio familiare pende pericolosamente sulla strada più che non sulla casa di abitazione!

Si aggiudica il “meritato” secondo posto il Comune di Caserta, alle prese con l’irrisolto problema dei parcheggi urbani e l’assidua solerzia dei vigili. L’«operosità» della Polizia Municipale del casertano fa aggiudicare al municipio l’argento per l’efficienza dei vigili, con quasi 80mila euro di accertato per ogni vigile. Il primato in questo settore spetta a Foggia, ma si spiega più con l'esiguità delle forze in campo (solo 19 addetti, contro i 186 di Ravenna e i 156 di Reggio Emilia, che sono grandi come la città pugliese) che con la ricchezza dell'accertato (meno di 12 euro per abitante).

Roma – Milano 1 a 0 ancora una volta, ma il risultato si avvicina ad un pareggio.
Le multe milanesi, infatti, crescono più di quelle romane (+30% contro il +12% della Capitale) e i 180 varchi dell'Ecopass avviato a inizio anno promettono di incrementare ulteriormente il bottino. La corsa, invece, è già iniziata a Crotone (+217%, partendo però da livelli bassissimi) e a Verona (+131%), alimentata soprattutto dalle Ztl (v. articolo).

  • shares
  • Mail