Industria 2015: al via i bandi per l’efficienza energetica

Industria 2015 Le rinnovabili entrano in azienda con i nuovi bandi di finanziamento varati dal Ministro dello Sviluppo Economico entro il programma Industria 2015. Con uno stanziamento complessivo di 200 milioni più un budget di altri 50 destinato al Mezzogiorno, il progetto di Innovazione Industriale per l'Efficienza Energetica si pone il triplice obiettivo di sviluppo, innovazione e competitività del sistema produttivo delle piccole e medie imprese.

Una metamorfosi graduale quella delle PMI italiane che dovrebbe portare alla completa conversione del tessuto produttivo in eco-industria attraverso il finanziamento di energie rinnovabili, ma anche investimenti per riqualificare i comparti industriali esistenti verso nuovi prodotti a basso impatto ambientale e capaci di far risparmiare energia (per esempio, mattoni ad alto isolamento termico, frigoriferi A+, vetri che riducono le emissioni termiche).

Beneficiari
Destinatari finali degli interventi di finanziamento pubblico gli organismi di ricerca e le imprese di tutti i settori produttivi ad eccezione delle aziende agricole e delle imprese operative nel settore dei trasporti.
Possono partecipare al bando anche le imprese e gli organismi di ricerca costituiti all’estero e che non abbiano istituito una sede secondaria con rappresentanza stabile nel territorio italiano, ai quali potrà essere concessa complessivamente una quota non superiore al 15% del contributo assegnato all’intero programma.

Interventi finanziabili
Sono ammesse tutte le spese relative all’installazione di impianti di produzione energetica come fotovoltaico, eolico, tecnologie di efficientamento e materiali o macchinari a risparmio energetico.

Nello specifico saranno soggette a contributo tutte le spese relative a personale, strumenti e attrezzature di nuova acquisizione, fabbricati, ricerca contrattuale, spese generali supplementari ed altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi.

Rientrano nel bando anche gli investimenti industriali che innovano i processi produttivi in modo da ridurre l’intensità energetica delle lavorazioni (esempi: motori con inverter, tecniche di riutilizzo del calore di scarto all’interno dei processi produttivi).

Tipologia di finanziamento
La misura delle agevolazioni è definita in termini di intensità massime rispetto ai costi agevolabili. Le intensità di aiuto sono calcolate in termini di equivalente sovvenzione lordo (ESL), che esprime il valore attualizzato dell'aiuto come percentuale del valore attualizzato dei costi agevolabili. Le intensità di aiuto, in equivalente sovvenzione lordo, sono pari al 50% per i costi agevolabili relativi alla ricerca industriale e al 25 % per quelli relativi allo sviluppo sperimentale. Esse sono determinate per ciascun soggetto beneficiario in misura corrispondente ai relativi costi agevolabili.
Il contributo concedibile non potrà superare l’importo di 15 milioni di euro per l’intero programma e di 5 milioni di euro per ciascun soggetto beneficiario.

Scadenze
La domanda di agevolazioni deve essere inoltrata a decorrere dal 30 aprile entro e non oltre il 30 giugno 2008 al Ministero dello sviluppo economico, Dipartimento per la competitività - Direzione Generale per la politica industriale, Via Molise 2, 00187 Roma.

Disciplinare di bando
Modulistica e informazioni

  • shares
  • Mail