Ricerca passiva: pagati per un colloquio

Colloquio Un database di curricula dal quale le aziende attingono ricercare potenziali profili rispondenti alle esigenze professionali. La particolarità di questi nuovi canali di reclutamento consiste nel fatto che il candidato “invitato” a far parte del network può fissare il prezzo della propria disponibilità ad un colloquio. I siti attualmente più conosciuti sono due: NotchUp e FaceContact.

NotchUp: pagati per un colloquio
Fondato da un imprenditore della Silicon Valley, stanco di infruttuose e costose ricerche, NotchUp si presenta come un normale sito di social network con una particolarità: il candidato viene pagato per sostenere il colloquio!
La quotazione della propria disponibilità all’incontro può essere indicativamente calcolata da un sistema interno a NotchUp, che tiene conto di diverse variabili come esperienza e settore di appartenenza.
Inoltre è possibile ottenere una revenue (10%) su tutti i contatti che un utente invita a NotchUp e che portano a buon fine l'iscrizione, così da sostenere colloqui.

Chi ci guadagna?
La ricerca passiva consente alle aziende di risparmiare sulla ricerca personale e ai candidati di non perdere tempo. I datori di lavoro risparmiano con questo sistema fino al 75% rispetto ai servizi di una società di selezione, calcolando per esempio un esborso di 500 dollari a colloquio per dieci colloqui di candidati il cui stipendio annuale è di 100mila dollari.
Ad appena un mese dall’inaugurazione il sito muoveva già un giro di 100mila candidati: il 25% usciti dalle maggiori università o impiegati nelle Top500 di Fortune o nelle startup.

Come funziona
Il target potenziale sono i “non-candidati”, ossia di profili altamente qualificati non disponibili sul mercato. Professionisti che non hanno intenzione di cambiare lavoro a meno di non essere adeguatamente incentivati.
L'accesso al sito con il proprio cv non è libero: bisogna essere presentati oppure ammessi da NotchUp.

L'offerta per un buon CV è libera, però NotchUp dispone di un metodo di calcolo basato sulla valutazione del titolo di studio, l'esperienza professionale, la retribuzione attuale. Il premio suggerito può variare dai 200 agli 800 dollari per coloro che accettano il colloquio, somma che verrà depositata su Paypal, comunque vada a finire il faccia a faccia. NotchUp trattiene il 20% per sè.

FaceContact: la raccomandazione è istituzionalizzata!
Definito un talent scout network, FaceContact proporne un servizio che prevede un compenso per ogni raccomandazione che va a buon fine. Gli ambiti sono numerosi oltre a quello lavorativo. Ogni tipo di consulenza viene sottoposta ad un meccanismo di garanzia come per Ebay, ovvero la reputazione di buon suggeritore che viene attribuita dal popolo in network.

Sul sito c'è un simulatore che, basandosi sul numero di contatti che ciascun utente stima di poter fornire, calcola quanto potenzialmente guadagnerà. Due sono le modalità:


  • il crowdsourcing, ovvero la richiesta ai dipendenti e clienti di farsi cacciatori di teste setacciando il proprio network a tutto campo (conoscenze professionali e amicali fisiche, gruppi di alumni e reti sociali come LinkedIn o Orkut o FaceBook ) per segnalare i nomi di amici e conoscenti che potrebbero corrispondere ai profili che l'azienda ricerca, ricevendo un premio;

  • il "contingent recruitment" e passa questa volta attraverso l'opera dei selezionatori professionisti: l'azienda "posta" l'annuncio con la richiesta del profilo. Su una pagina appariranno tutte le proposte dei recruiter professionali. Una volta scelto e assunto il candidato, l'azienda sborsa un bonus pari al25-30% della retribuzione annua del nuovo dipendente e FaCecontact pensa a distribuire la somma tra i selezionatori che hanno collaborato.
  • shares
  • Mail