Nuove elezioni? Squinzi: “uno shock per il Paese”

Nuove elezioni politiche a breve? No grazie, sarebbe solo uno shock per l’Italia: ne è convinto il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi di fronte allo spettro dell’ingovernabilità e alle ipotesi di tornare a stretto giro alle urne. Il Paese, dice il numero uno di viale dell’astronomia in conferenza stampa, non può permetterselo:

Tornare al voto sarebbe comunque uno shock e non è realizzabile in tempi ristretti. E poi tornare a votare con la stessa legge elettorale forse potrebbe non essere risolutivo.


Secondo Squinzi:


C'è una tempesta perfetta e siamo tutti sulla stessa barca. Bisognerebbe ricominciare a remare tutti nella stessa direzione, questo mi sembra assolutamente importante, non abbiamo il Papa, ma comportiamoci comunque da cristiani Cerchiamo di essere tutti uomini di buona volontà che cercano di fare le cose necessarie per far ritrovare la crescita al Paese, indipendentemente dalle appartenenze politiche e dalla collocazione nei diversi gruppi parlamentari.

Al centro dell’agenda di governo e parti sociali va messa l'economia reale. Se si va in questa direzione, aggiunge il presidente di Confindustria, molti dei problemi che ci affliggono si risolverebbero in maniera automatica.

Foto © TMNews

  • shares
  • Mail