Crisi: 490mila lavoratori in cassa integrazione

Nel mese di febbraio 2013 sono state autorizzate 79 milioni di ore di cassa integrazione. Nei primi due mesi dell’anno i lavoratori in cassa integrazione equivalenti a zero ore hanno raggiunto le 490mila unità. Il derivante taglio del reddito complessivo è di 650 milioni di euro circa: 1.319 euro per ogni singolo lavoratore alla prese con la crisi che ha portato la produttività italiana ai minimi. Lo segnala il rapporto della Cgil sui dati forniti dall’Inps. Secondo lo studio del sindacato dall’inizio del 2009 fino a oggi sono state autorizzate 80 milioni di ore di cassa integrazione per mese.

Il segretario confederale della Cgil Elena Lattuada spiega:

Prosegue senza sosta il deperimento del tessuto produttivo e il progressivo processo di deindustrializzazione del paese; centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori si trovano in una condizione di grandissima sofferenza, acuita dalle complicazioni e dai mancati pagamenti della cassa integrazione in deroga che vanno assolutamente risolti e superati.

Cigo - La cassa integrazione ordinaria, secondo l’elaborazione della Cgilm è aumentata a febbraio rispetto a gennaio del 4,73%, per un monte ore totale di 32.347.693. Dall’inizio del 2013 la cigo è arrivata a 63.234.852 ore facendo registrare un +39,14% su gennaio e febbraio del 2012.

Cigs - La richiesta per la cassa integrazione straordinaria a febbraio scorso è stata di 38.802.867 ore, qui il dato è in calo su gennaio del 7,96%. Da inizio 2013 le ore di cigs autorizzate sono 80.963.469, con un +71,66% sui primi due mesi dell’anno scorso.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail