Fisco più leggero sugli straordinari

Detassazione straordinari Parte da oggi l’operazione "tasse leggere" sugli straordinari. Da questo mese infatti il fisco rinuncia a parte delle proprie pretese sui guadagni incassati dai dipendenti che estenderanno il loro orario di lavoro o che riceveranno un premio per aver contribuito ad aumentare la produttività della propria impresa.
Il prelievo si fermerà al 10% sui primi 3.000 euro di queste parti variabili del salario.

Per un lavoratore con un reddito pari ai 30.000 euro, con un monte straordinari di 3.000 euro, comporterà un risparmio fiscale di circa 700 euro. Per un reddito di 20.000 euro (e straordinari sempre per 3.000 euro) la detassazione potrebbe invece aggirarsi sui 560-80 euro.

Cosa cambierà per i datori di lavoro? A conti fatti le aziende dovranno tenere una contabilità differenziata degli straordinari. Il nuovo regime fiscale, in approvazione definitiva alla Camera, è sperimentale e durerà solo sei mesi: a novembre è comunque prevista una valutazione degli effetti del nuovo sistema fiscale per decidere l'eventuale estensione anche ai dipendenti pubblici, che ora ne sono esclusi.

Quali straordinari?
Il nuovo regime fiscale "leggero" riguarderà gli straordinari che vengono effettuati dal primo luglio al 31 dicembre 2008. Una tassazione “agevolata” al 10% varrà anche sulle somme corrisposte come premio per incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa, oppure a maggiore redditività e competitività dell'impresa.

Prelievo
L’aliquota del 10% (cedolare secca) sarà applicata su un importo massimo di 3.000 euro, mentre il regime normale, prevede un'aliquota Irpef progressiva del 27% tra i 15.000 e i 27.000 euro, e del 38% tra i 28.000 e i 55.000 euro. Poiché si tratta di un'imposta sostituiva sullo stesso importo non sono dovute le addizionali regionali e comunali. Inoltre l'importo detassato non concorre a formare il reddito complessivo ne ai fini fiscali né ai fini dell'Isee (cioé del riccometro). Gli importi pagati vanno comunque considerati ai fini delle prestazioni previdenziali e assistenziali.

Limiti
Tra i requisiti per beneficiare del regime straordinario oltre alla soglia di 3.000 euro anche un limite reddituale da lavoro non superiore a 30.000 euro nel 2007. Dal fisco leggero sugli straordinari sono poi esclusi i lavoratori pubblici.

Part time
Ammessi al nuovo regime agevolato anche i dipendenti con contratti part-time precedenti al 28 maggio 2008. In questo caso l'aliquota ridotta al 10% si applicherà sulle "prestazioni di lavoro supplementare" e su quelle "rese in funzione di clausole elastiche" nel periodo luglio-dicembre 2008.

  • shares
  • Mail