Ganasce fiscali, fioccano sanzioni estive

Ganasce fiscali Rimasti a piedi i 500 mila contribuenti che non hanno regolarizzato la propria posizione con Equitalia o presentato ricorso ai giudici tributari, non potranno utilizzare l’auto quest’estate. Lo ricorda l’associazione Contribuenti.
Per chi circola è infatti previsto il sequestro dell'auto e sanzione di 2628,15 euro, oltre alla custodia del veicolo in un deposito autorizzato.

Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani è preoccupata per i disagi dei cittadini e ribadisce che le ganasce fiscali non sono solo illegittime ma per il 41,7% dei casi errate per colpa degli enti locali che non provvedono a comunicare a Equitalia né i pagamenti, né gli sgravi e nemmeno le numerose sentenze favorevoli ai contribuenti.

Il problema delle “ganasce fiscali" riguarderebbe, oltre ai semplici contribuenti, anche i cittadini diversamente abili.
“E' importante - afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it – che il governo sospenda immediatamente l'uso illegittimo delle ganasce fiscali per permettere agli italiani di andare in vacanza".
In attesa, Contribuenti.it comunica di aver potenziato il call center (tel. 0642828753) ed invita i cittadini ad informarsi se la propria autovettura e sottoposta a fermo amministrativo prima di intraprendere qualunque tipo di viaggio.

Nel caso in cui il proprio veicolo sia stato posto sotto fermo amministrativo il Ministero dell’Interno ricorda che il contribuente dovrà fare ricorso dal giudice di pace per sospendere le ganasce fiscali.

  • shares
  • Mail