Numeri a pagamento, come si stacca la spina?

Numeri a pagamento Sarà operativo a partire dal 1° ottobre il blocco permanente verso le numerazioni a tariffazione speciale. L’opzione di blocco varrà per le linee di telefonia fissa verso le numerazioni più costose o critiche. L’iniziativa, ampiamente pubblicizzata dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, è finalizzata a ridurre «il rischio per gli abbonati di ricevere bollette con addebiti, per chiamate mai effettuate, dovuti a comportamenti illeciti di terzi» come si legge in una nota dell’Authority.
Secondo il Codacons il giro d'affari dei numeri che iniziano per 144, 899, 709 ecc, sarebbe pari "a circa 200 milioni di euro annui e coinvolge circa un milione di utenti". Plaudono all'Agcom anche l'associazione Codici ("finalmente i cittadini potranno tutelarsi contro attacchi di dialers e truffatori") e l'Adoc ("è una vittoria dei consumatori").

Quali servizi?
Gli utenti, ricorda l'Autorità, anche dopo il primo ottobre 2008 avranno la possibilità di chiedere, con una semplice telefonata al proprio gestore, di rimuovere il blocco permanente o di sostituirlo con un blocco a pin.
A partire da domani inoltre gli abbonati della telefonia fissa e mobile potranno richiedere al proprio operatore di attivare gratuitamente un servizio di avviso telefonico per traffico anomalo al superamento di determinate soglie di spesa. La procedura prevede in particolare alcune misure a tutela degli abbonati, come l'assegnazione di un codice identificativo del reclamo per chi si rivolge all'operatore telefonico, la disattivazione dei servizi il prima possibile, l'addebitamento degli stessi con un lasso temporale non superiore al bimestre, l'invio di periodiche informative in allegato alla fattura.

  • shares
  • Mail