Imprese: salvangente anticrisi da 5 miliardi

Piano anticrisi L’annuncio arriva dall’A.D. di Unicredit, Alessandro Profumo che ha dichiarato che l’istituto metterà a disposizione delle micro e piccole-medie imprese 5 miliardi di euro sia per rafforzare il loro capitale circolante sia per effettuare investimenti. Un progetto per il quale il gruppo lavorerà assieme alle associazioni di categoria delle Pmi e alle cinque maggiori federazioni dei Confidi.

Dei cinque miliardi, che verranno finanziati attraverso Confidi, tre miliardi sono destinati alle microimprese. Per chiarire, Profumo fa l'esempio del settore alberghiero, che sta subendo una forte crisi. I restanti due miliardi sono invece da distribuire alle imprese medio-piccole, quelle che, chiarisce Profumo, hanno un fatturato che supera i 5 milioni di euro. «La nostra metodologia di lavoro – promette l'amministratore delegato di Unicredit – prevede che i quattrini arrivino solo alle imprese che meritano di riceverli». Concretamente, le aziende potranno contare sia su crediti a breve termine per il rafforzamento della gestione del circolante aziendale, sia su finanziamenti a medio-lungo termine per effettuare i propri investimenti.

Così, spiega Profumo, «Unicredit vuole dare un segnale concreto della propria volontà di essere al fianco delle imprese e, in particolare, di quelle di piccole dimensioni, che rappresentano una parte fondamentale del tessuto produttivo del paese». E mentre assicura che non sta tagliando con una mano ciò che concede con l’altra, perché «la nostra banca non ha mandato lettere di rientro dagli affidamenti», annuncia anche che «stiamo lavorando per la famiglia. Il prossimo intervento da realizzare sarà rivolto a questo settore».

  • shares
  • Mail