In Italia il conto (corrente) è salato

Conto corrente Sono in assoluto i più cari d'Europa. I conti correnti del Bel Paese hanno dei costi decisamente superiori alla media UE. A rilevarlo il rapporto sulla "Competitivita' del Sistema Italia" basato sui dati dell'Economist intelligence unit.

Con un costo medio di 182 euro, i nostri depositi superano addirittura quelli tedeschi, tradizionalmente cari (161 euro), francesi (100 euro)e inglesi (40 euro). A conquistarsi il primato per le spese di conto più basse è l'Olanda con 34 euro.

Il valore italiano, sottolinea il Rapporto, e' il piu' elevato d'Europa e la situazione non e' migliore quando si passa ad analizzare le condizioni e i costi delle imprese.

Quanto costa alle imprese?
Il costo degli interessi passivi, infatti, per gli imprenditori italiani e' in media piu' elevato rispetto a quello sostenuto dagli imprenditori in area euro. Per l'Economist, i costi dell'attivita' bancaria in Italia sono piu' alti che altrove per ragioni in parte di natura contingente, come il problema della sicurezza: il 50% delle rapine in banca di tutta Europa, scrive il rapporto, avviene in Italia. Ma secondo un'indagine del Fondo monetario internazionale, osserva ancora lo studio del centro di ricerca dell'Economist, anche al netto di tali fattori il costo del servizio bancario in Italia resterebbe comunque mediamente piu' alto che nel resto d'Europa del 13%.

  • shares
  • Mail