Bonus e detassazione, l'antidoto contro la crisi

Piano anti crisi E’ nato! Il travagliato periodo di incubazione è terminato e il tanto favellato piano anticrisi ha visto finalmente la luce!
Diverse le misure “straorinarie” di natura fiscale ed economica che pioveranno su imprese e famiglie nei prossimi mesi, vediamole insieme:

Un bonus in famiglia
Assegno postale più corposo per pensionati e famiglie con figli a carico. Aumenterà l’importo del bonus cash da un minimo di 200 euro ad un massimo di 1.000 euro.
Beneficiari: ad averne diritto saranno i nuclei di lavoratori dipendenti con figli e i pensionati con un reddito annuo fino a 22mila euro (e non più 20mila euro). Per le famiglie con portatori di handicap il tetto sale fino a 35.000 euro.

Sconti in bolletta
Con il nuovo anno tariffe energia più convenienti. Almeno per le famiglie economicamente svantaggiate. Si tratta di tariffe agevolate per l'energia elettrica e gas. La compensazione della spesa sarà riconosciuta in forma differenziata per zone climatiche e in base al numero dei componenti del nucleo familiare fino a uno sconto massimo del 15 per cento.

Un tetto ai mutui
Varata una misura di garanzia per chi ha un mutuo immobiliare a tasso variabile. Sarà fissato un tetto massimo del 4% per il costo dei mutui a tasso variabile. Previsti rimborsi in sede fiscale per i costi extra sostenuti dalle banche. Fra le intenzioni del ministero che preoccupa le banche quella di arrivare al cambio del tasso base di riferimento: non più Euribor, ma tasso Irs.

Farmaci equivalenti: sconti in pillole!
Da gennaio arrivano alcuni sconti sui cosiddetti farmaci equivalenti, con un taglio del 7%, in attesa che sia l'Agenzia del farmaco a rideterminare i prezzi entro il 31 marzo 2009. Scende anche il tetto per la spesa farmaceutica territoriale.

Ires e Irpef, detassazioni all’orizzonte
Tra le misure temporanee anticrisi troviamo il taglio di 3 punti all'acconto Ires e Irpef di fine novembre. Dunque l'acconto Irpef passa al 96%, mentre quello Ires scende al 97 per cento. La copertura prevista per il 2008 dovrebbe attestarsi intorno ai 2,5 miliardi di euro. Sarà anche possibile dedurre dal reddito ai fini Ires e Irpef una quota fra il 10 e il 15% della base imponibile dell'Irap. Sì anche alla proroga della detassazione degli straordinari per il 2009.

Straordinari a tassazione ridotta
Approvata anche la proroga della detassazione del salario di produttività, vale a dire premi e incentivi, per redditi fino a 35mila euro l'anno (dai 30mila attuali). Raddoppia anche la parte di reddito su cui applicare gli sgravi, che passa da 3mila euro l'anno a 6mila euro.

La rivoluzione dell’IVA
Via libera all’IVA per cassa delle imprese. D’ora in avanti l'obbligo di versamento dell'imposta sul valore aggiunto slitta dal momento dell'emissione della fattura a quello dell'incasso. Su questa misura, che sarebbe destinata alle imprese con un fatturato fino a 200mila euro, si attende però il via libera di Bruxelles.

  • shares
  • Mail