Digitale terrestre: Rai e Mediaset in orbita gratis?

Digitale terrestre Fa notizia l’annuncio di una “contro” piattaforma digitale alternativa a Sky e completamente gratuita. A giugno parte Tivù Sat che di fatto porterà anche sul satellite tutta l'offerta televisiva digitale terrestre free (ossia quella non a pagamento). Rai e Mediaset (entrambe al 48%) e Telecom Italia Media (al 4%), l'editore di La7, hanno creato una società, Tivù srl, che opererà con due marchi, Tivù e Tivù Sat. Il primo ha il compito di promuovere il digitale terrestre. L'altro di replicare l'offerta digitale in chiaro via satellite.

L’alleanza mediatica

Uno dei motivi che avrebbero portato alle nozze televisive di Rai e Mediaset sarebbe che il digitale terrestre (che sarà il sistema di trasmissione televisiva in tutta Italia a partire dal 2012) non garantisce una copertura sul 100% del territorio nazionale. Problema che scompare grazie al satellite, che riesce a penetrare anche nelle zone non digitalizzate.

Dietro all’accordo naturalmente si annida un attenta indagine di mercato che ha portato le società a conoscenza di un dato significativo: oltre il 40 per cento degli abbonati Sky userebbero il satellite per vedere la tv generalista.

La notizia che Sky potesse garantire l’accesso alla TV generalista non è naturalmente piaciuta a Mediaset, che si aspetta un riconoscimento economico sui tre canali da parte della pay di Murdoch.

Se gli scenari futuri del digitale non sono ancora ben definiti, quel che è certo è che il decoder della nuova piattaforma sarà diverso da quello di Sky.

  • shares
  • Mail