Verso una tassa generale che superi IMU e Tares?

Una tassa generale che superi Imu e Tares: è la proposta avanzata dal sottosegretario all’Economia e alle Finanze Pierpaolo Baretta, il quale in merito alla sospensione delle rata Imu di giugno, con il decreto del governo in dirittuara d’arrivo, spiega:


bisogna distinguere tra la sospensione della rata di giugno e la riforma complessiva della tassa che ha bisogno di due tempi.

Quindi:

è necessario che l'intervento di sospensione non sia solo sulla prima casa ma anche sui beni strumentali come i fabbricati industriali.

Su questo l’esecutivo guidato dal premier Enrico Letta - che dopo il ritiro di Spineto ha approntato la sua road map per i primi 100 giorni di governo - sembra aver trovato la quadra. Salvo cambiamenti dell’ultima ora la sospensione dell’acconto Imu dovrebbe riguardare anche i capannoni industriali delle imprese.

Poi a proposito della copertura finanziaria del provvedimento Baretta chiarisce che per la sospensione della rata Imu:

non è necessaria la copertura, il problema vero è a settembre-ottobre, ma a questo punto conviene concentrarci sul superamento della procedura di infrazione, e abbiamo tutti i titoli perché ci venga data questa uscita dalla procedura, che apre nuovi scenari a livello di margini, credibilità e autorevolezza dell'Italia in Europa.

Da qui la proposta di Baretta, ancora in fase embrionale, di procedere nel prossimo autunno a una riforma complessiva dell'imposta sugli immobili che potrebbe trasformarsi in una nuova tassa generale sull'abitazione che sostituisca, inglobandole, sia l'Imu che la Tares sui rifiuti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: