Aria condizionata, una spesa che "scotta"

Aria condizionata Raffreddare l'abitacolo bollente non costa poco. Stando ai meticolosi calcoli dell'Adac (l'associazione automobilistica tedesca), infatti, utilizzare l'aria condizionata per far scendere la temperatura dell'abitacolo da 31 gradi a 22 gradi aggiunge un consumo di carburante variabile tra i 2,47 e i 4,14 litri per 100 km.

Per assicurarsi un viaggio al al fresco in automobile d'estate si arriva a spendere tra i 5 e gli 8 euro in più al costo del pieno di benzina. Le automobili però non sono tutte uguali e il calcolo varia a seconda del modello così come delle condizioni di guida. Se infatti in città il consumo può aumentare rispettivamente da 0,76 a 2,11 litri ogni 100 Km, in autostrada la media va da 0,09 a 0,66 litri ogni 100 Km.

I consigli dell'Adac per risparmiare sono diversi, in particolare - secondo l'associazione - il sistema più adatto a consumare meno è quello che regola il condizionatore in modo automatico. Anche il guidatore però può dare il suo contributo al contenimento della spesa. Ad esempio, tenendo aperti i finestrini un minuto prima della partenza, in modo che l'aria più calda esca dall'abitacolo.

Fonte: Adac

  • shares
  • Mail