Roaming internazionale a tariffe leggere

Roaming internazionale GLi SMS in Europa dal prossimo luglio peseranno meno. Una piccola conquista estiva da parte della Commissione UE che con il nuovo regolamento impone dei tagli nell'ordine del 60% alle bollette dei telefonini dei cittadini Ue.

Cosa cambierà?
A partire da luglio gli SMS inviati da un Paese all'altro dell'Ue non dovranno costare più di 11 centesimi di euro (iva esclusa), contro l'attuale media di 29 centesimi.

Chiamate più economiche
L'eurotariffa sms "non dovrà comportare alcun abbonamento associato o altri costi fissi o ricorrenti", si legge nel regolamento. Le chiamate vocali invece dovranno costare massimo 43 centesimi al minuto, e per quelle ricevute il tetto è fissato a 19 centesimi al minuto. E ulteriori ribassi sono previsti per i prossimi anni. Dal primo luglio 2010, le chiamate in uscita scenderanno a 0,39 euro e quelle in entrata a 0,15 euro. Mentre dal primo luglio 2011 si arriverà rispettivamente a 0,35 euro e 0,11 euro. Le nuove norme comunitarie in materia di roaming, oggi approvate dal Consiglio dei ministri dell'Ue, entreranno in vigore il primo luglio in tutti i 27 Stati membri.

Tagli in vista anche per audio e video
Secondo il nuovo regolamento si potranno anche scaricare a tariffa massima film, inviare foto con il telefono cellulare e navigare su internet senza trovare delle cattive sorprese al ritorno delle vacanze nei conti degli operatori telefonici. Si prevede anche che gli operatori mobili fatturino le chiamate in roaming non più al minuto ma al secondo dopo i primi trenta secondi: ciò dovrebbe comportare fino al 24% di riduzione sulle fatture telefoniche. Tali regole erano già state approvate dal Consiglio dei ministri Ue e saranno applicate nell'insieme dei 27 stati membri. Attualmente la media dei prezzi per l'invio di un sms dall'estero è di 0,28 euro (la tariffa media supera 0,35 per sms in Olanda e Portogallo).

Per quanto riguarda il trasferimento di dati da un telefono cellulare è stato introdotto un plafond di 1 euro per megabyte scaricato a fronte di un prezzo medio attuale di 1,68 euro (6,82 in Irlanda, 5,30 in Grecia, 5,10 in Estonia). Il plafond passerà a 0,80 euro nel 2010 e a 0,50 nel 2011. Inoltre prosegue la riduzione dei massimi tariffari per le chiamate in roaming: da 0,46 euro per le chiamate fatte e 0,22 euro per le chiamate ricevute all'estero, i tetti passeranno dal primo luglio 2009 rispettivamente a 0,43 e a 0,19 euro; il primo luglio 2010 saranno rispettivamente a 0,39 e 0,15 euro; il primo luglio 2011 a 0,35 e 0,11 euro (tutti i prezzi sono da considerare al minuto fuori iva).

Fonte: Sole 24Ore

  • shares
  • Mail