Lo Stato vende 350 immobili

La lista dei beni da dismettere, per un miliardo, sarà presto resa nota. A occuparsi delle cessioni degli immobili saranno i fondi di investimento.

Lo Stato vende i gioielli di famiglia. Tecnicamente si chiama dismissione. Anche questa è cassa. Nei prossimi mesi saranno messi in vendita 350 immobili per un valore totale di un miliardo di euro. La lista dei beni da dismettere sarà presto resa nota e a occuparsi delle cessioni degli immobili saranno i fondi di investimento.

Il direttore dell’Agenzia del demanio Stefano Scalera lo ha spiegato ieri in commissione finanze della Camera. Tra i beni in vendita anche 22 strutture del ministero della difesa non più utili per le finalità istituzionali. Scalera ha spiegato che il patrimonio immobiliare pubblico vale 320 miliardi. La stragrande maggioranza di questi immobili, l’80%, è da ricondurre agli enti territoriali. L’Agenzia amministra il 15% di tali beni, per un valore di 56,7 milioni.

Oltre agli immobili si pensa di intervenire anche sui terreni dello Stato e degli enti pubblici nazionali ma qui la ricognizione è condizionata dall’emanazione, da parte del ministero dell’agricoltura, di un decreto che determini tutti i beni coinvolti e i meccanismi con cui si realizzeranno il trasferimento e la locazione.

Scalera ha poi snocciolato i numeri del contenimento della spesa per le locazioni passive, nel quadro dell’avviata razionalizzazione degli spazi usati dalla Pubblica amministrazione: nel 2010 il risparmio cumulato è stato pari a 10 milioni di euro, 22,5 milioni nel 2011, per arrivare a 37,5 milioni di risparmi l’anno scorso.

© Foto TMNews

  • shares
  • Mail