Unico e Irap 2013: proroga all’8 luglio

La proroga si è resa necessaria per i tardivi aggiornamenti degli Studi di settore.

Alla fine la proroga per le dichiarazioni Unico e Irap è arrivata, come al solito all’ultimo momento: l'8 luglio 2013 è il nuovo termine entro cui è possibile effettuare i versamenti che risultano da questi modelli, senza maggiorazione alcuna. Lo prevede un Dpcm, che sostituisce la scadenza del 7 giugno e che sta per essere pubblicato.

La proroga è relativa a tutti i contribuenti, persone fisiche e non,  che esercitano attività economiche per cui sono stati elaborati gli Studi di settore e ciò indipendentemente dalle cause di inapplicabilità o di esclusione per casi particolari, di dichiarazioni di ricavi o compensi non superiori al limite prefisso dalla legge.

La proroga riguarda anche quanti partecipano a società, associazioni e imprese, in regime di trasparenza e i contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e i dipendenti in mobilità.

Per tutti questi soggetti sono differiti i pagamenti di tutte le imposte all’8 luglio: Irpef e Ires, cedolare secca sugli affitti, l’imposta sul valore degli immobili situati all'estero (Ivie) e quella sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero.  Scaduto il termine dell'8 luglio 2013 si potranno effettuare i versamenti dal 9 luglio al 20 agosto, beneficiando della proroga per i pagamenti da fare tra l'1 e il 20 agosto, con una maggiorazione però dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.

La proroga si è resa necessaria per i tardivi aggiornamenti degli Studi di settore, con la conseguenza che l’Erario incasserà in ritardo il gettito.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail