Domiciliazione bollette senza frontiere

Bollette UE Inaugurato anche sulla domiciliazione bancaria delle bollette il “passaporto UE”. Si tratta della possibilità di domiciliare sul proprio conto utenze e fatture relative a un altro stato continentale purchè faccia parte dell’eurozona.

Diventa dunque disponibile - si legge ancora nella nota Abi - anche il terzo e ultimo strumento di pagamento Sepa, dopo che nel gennaio 2008 erano già stati introdotti i bonifici Sepa e i pagamenti Sepa con carta.

Tra un anno, cioè dal 2 novembre 2010, tutti gli istituti di credito nell’eurozona dovranno offrire obbligatoriamente questa possibilità. Dal 2014 sarà poi completata l’estensione a tutti i Paesi aderenti al Sistema di pagamenti europeo (Sepa), cioè i 27 Ue più Norvegia, Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Principato di Monaco, indipendentemente dalla valuta locale.

Ad oggi in Italia, secondo i dati diffusi dall'Associazione bancaria italiana (Abi), ben 450 banche, per un numero di filiali pari a 23mila (su un totale di 34mila) sono pronte a offrire alla propria clientela questo strumento.

Sette sportelli su dieci potranno attivare l'addebito diretto Sepa e consentire a imprese e consumatori di domiciliare sul proprio conto pagamenti in euro a favore di qualsiasi beneficiario situato in un'area che comprende, oltre ai 27 stati membri dell'Unione europea, anche Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Monaco.

  • shares
  • Mail