Consumatori: la conciliazione sarà a pagamento?

Conciliazione commerciale E’ in discussione in questi giorni in Parlamento il decreto legislativo per l’introduzione della conciliazione obbligatoria e a pagamento.

Lo strumento di risoluzione delle controversie commerciali potrebbe dunque uscire definitivamente dai tribunali con un evidente alleggerimento delle pratiche e un abbattimento dei costi per il sistema giudiziario. Unico neo della riforma: i costi ricadrebbero inevitabilmente sui privati, costretti a rivolgersi a studi professionali di avvocati per la risoluzione di controversie civili e commerciali riguardanti locazioni, successioni, contratti assicurativi, bancari e finanziari, ecc.

Grida allo scandalo Adiconsum, secondo cui la procedura da diritto si trasformerebbe in un vero e proprio business commerciali per la lobby degli avvocati che, lo ricordiamo, in Italia sono più numerosi che in qualsiasi altro paese europeo.

Le procedure conciliative risolte dalle associazioni consumatori, sottolinea Adiconsum, sarebbero oltre 100 mila negli ultimi 2 anni.

  • shares
  • Mail