Aria di crisi, ecco dove si risparmia

Quelli resi noti da ADICO (Associazione difesa consumatori) sono dati da prendere con tutta la cautela del caso, perché provenienti da un'inchiesta realizzata su un ridottissimo gruppo di individui, ma non possono che dettare qualche preoccupazione. Che il fenomeno sia più o meno quantitativamente rilevante, in Italia c'è chi fatica ad arrivare alla fine e, pur di superare le difficoltà economiche, è disposto a tagliare le spese per le cure mediche.

L'indagine
La ADICO ha intervistato 400 persone residenti in provincia di Venezia, ponendo quesiti riguardo la loro condizione economica e le eventuali strategie adottate per fare fronte alle possibili criticità in ambito economico-finanziario.

Risultati in pillole
I risultati del sondaggio sono stati preoccupanti: il 14% delle persone, infatti, non solo ha dichiarato di incontrare effettivamente difficoltà ad arrivare alla quarta settimana del mese, ma anche di esser costretto a rinunciare alle cure mediche per fare fronte alla difficile situazione.

Salute, ma non solo
Le cure mediche non sono però l'unico settore in cui il corpus di intervistati ha affermato di avere ridotto le spese. Il 33% degli interpellati, per esempio, ha sostenuto di essere costretto a rinunciare alla pizza con gli amici. Sempre in tema di svaghi, il 21% ha rivelato che, con l'incubo quarta settimana sospeso come una spada di Damocle sull'equilibrio economico della famiglia, ha dovuto privarsi delle vacanze. Nel 22% dei casi, poi, a rimanere impigliato nella rete delle crisi è stato lo shopping: l'equazione appare semplice, pochi soldi... meno scarpe e vestiti.

  • shares
  • Mail