Noleggio l'auto e ci guadagno?

Aziende e professionisti hanno a disposizione un'alternativa all'acquisto delle automobili utilizzate per lavoro: il noleggio a lungo termine del mezzo. Dal punto di vista dei costi, però, si tratta di un'alternativa vantaggiosa? Dipende dalle situazioni, anche se va rimarcato come il Fisco italiano, sul settore auto, sia sempre abbastanza severo.

Iva
A influire sulla percentuale di detraibilità dell'Iva (se 40% o 100%) sono la tipologia dell'utilizzatore e le modalità di impiego dell'autoveicolo. Nel dettaglio, l'Iva è totalmente detraibile se i veicoli aziendali sono strettamente strumentali, ovvero se risultano imprescindibili per lo svolgimento dell'attività d'impresa. La soglia della detraibilità si abbassa al 40% per le automobili affidate ai dipendenti sia per lavoro sia per uso personale, definite a "uso promiscuo".

Imposte sui redditi
Il panorama è ancora più variegato per quanto riguarda la deducibilità dei costi di gestione, vale a dire il canone di noleggio e le spese per la manutenzione, il bollo e l'assicurazione. Il quadro della deducibilità dei costi legati alla gestione è il seguente:

  • 100% e senza limiti di spesa per l'uso strumentale del veicolo (per esempio un furgone) da parte dall'azienda;
  • 90% dei costi totali se l'automobile è assegnata in uso promiscuo ai dipendenti, purché sia stata affidata al dipendente per più della metà dell'esercizio o dei mesi dell'anno in cui è durato il contratto di noleggio;
  • se l'automobile è in uso ad agenti e rappresentanti di commercio, sono deducibili l'80% dell'ammontare del canone di noleggio (fino al tetto massimo di canone di 3615 euro l'anno) e dei servizi accessori;
  • 40% del totale del canone di noleggio (sempre entro il limite di caone di 3615 euro l'anno per veicolo) e dei servizi accessori per tutti gli altri mezzi dell'azienda.

Inoltre, bisogna notare che se dal contratto o dalle fatture non è chiara la distinzione tra canone di noleggio e spese accessorie, il costo totale ha un limite massimo di 3615 euro annui (cui vanno poi applicate le percentuali di deduzione dell'80% e 40%).

Professionisti
I professionisti hanno diritto a una detrazione dell'Iva nella misura del 40% dei costi del noleggio. Sul fronte Irpef, invece, il lavoratore autonomo può calcolare tra i costi professionali deducibili il 40% dell'ammontare dei canoni dell'autonoleggio, fino al tetto massimo di 3615 euro l'anno e il 40% dei servizi accessori.

  • shares
  • Mail